Passa ai contenuti principali

Il Labirinto del Fauno

Già nell'incipt ti sembra di entrare in una favola perduta, una fiaba aldilà del tempo e dello spazio, dove si narra di una principessa di un mondo sotterraneo che è andata sulla terra e dopo aver visto il sole è morta, così si arriva ai tempi della seconda guerra mondiale, dittatura franchista, Ofelia viaggia con la madre, in avansato stato di gravidanza per raggiungere il nuovo marito, il tirannico capitano Vidal (siamo all'epoca della dittatura Franchista in spagna) Ofelia è una bambina che crede nel mondo fantastico e nelle favole, ha un cuore innocente, ma ha dimenticato chi è in realtà, per costruire il suo passato e chi è veramente dovrà superare delle prove, e attraversare il labirinto del fauno per tornare nel mondo che le appartiene, un film coinvolgente è bellissimo, molto toccante, Guillermo del toro dirige un opera che incrocia la crudeltà umana (Vidal è capace di uccidere a sangue freddo chiunque ostacoli il suo cammino) che l'innocenza per le cose perdute, per i sogni dei bambini, capaci di guardare aldilà degli occhi degli adulti, un film che si pone a metà tra il fantastico e la favola horror, ma non è un horror dove scorre sangue, non c'è niente di impressionante, ciò che è impressionante è semplicemente la crudeltà degli esseri umani, adulti,  capaci solo di sottomettere gli innocenti per i loro interessi, non solo di sottometterli ma anche di trucidarli, l'orrore della guerra è rappresentato per quello che è e con tutto questo orrore sarà Ofelia a salvare l'unico innocente che rischia davvero grosso a costo della sua stessa vita, sarà questa l'ultima prova che dovrà affrontare, una delle scene che più colpiscono è quando il fauno stesso le da una pianta in grado di far stare bene sua madre, che stabilirà un legame tra il mondo del fauno e la vita dell'unica persona che può amare una bambina innocente, ovviamente nessuno crede a Ofelia, ma non vi sarà una via d'uscita si suppone  
ma sarà ovviamente il suo coraggio a salvarla oltre che il suo buon cuore.
Uno splendido film che per me è un piccolo capolavoro capace di toccare il cuore degli spettatori e di commuoverlo, bravissimi gli attori straordinaria la colonna sonora come le scenografie Guillermo Del Toro si conferma un ottimo autore di genere fantastico horror, da tenere assolutamente d'occhio fate attenzione al finale, che non vi dico per non rovinarvi la sorpresa.
Assolutamente da non perdere

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.