Passa ai contenuti principali

Pulp Fiction John Travolta day


Pulp Fiction è uno di quei film entrati nella storia del cinema, e soprattutto del costume diventando un icona, un cult movie e con il tempo anche un capolavoro.
Quentin Tarantino da grande cinefilo cinematografico, riempe il film di citazioni al cinema pulp, gangsteristico, in cui ci sono personaggi altamente sopra le righe, e costruisce un film a incastro, come le autostrade di los angeles, in cui la narrazione non è lineare, ma tratteggia le varie storie dei protagonisti.
C'è Vincent Vega - un rinato John Travolta che grazie a questo film rinverdisce la sua carriera, anche se leggenda narra che  non sia stato facile convincerlo a parteciparvi - che è il braccio destro del boss, in cui con Jules - interpretato da Samuel L Jackson attore feticcio di Tarantino - insieme hanno il compito di prelevare una valigetta il cui contenuto rimane misterioso, e restituirla al boss Marcellus Wallace.
Poi c'è l'episodio in cui Vincent deve fare divertire Mia, la pupa del boss, - una giovanissima Uma Thurman - Mia è una cocainomane e durante la serata in cui vincono persino una gara di ballo, la ragazza sniffa coca in quantità industriale, e una volta tornata a casa va in overdose, come fare per risolvere la situazione? Ci vuole una iniezione al cuore per salvare la ragazza, un altro episodio è quello del pugile che bara in un incontro truccato, e invece di perdere vince l'incontro...poi deve trovare l'orologio d'oro del padre che la fidanzata ha dimenticato a portare in albergo, lì reincontra il boss che ha fregato e durante la sparatoria finiscono in un negozio di cianfrusaglie dove li sodomizzano, ma butch si salva dal pagare il debito col boss perchè gli salva la vita, facendo fuori gli stupratori, per finire all'episodio in cui John Travolta parlando con il ragazzo che hanno preso in ostaggio lo fa fuori sparandogli in faccia...ma un signore molto furbo pulisce la situazione non lasciando tracce..
Pur essendo ricchissimo di citazioni, il film risulta originale e bellissimo, sia per quanto riguarda lo stile di tarantino, sia per quanto riguarda il modo di raccontare la storia, quello che più sorprende sono i dialoghi che sono entrati nel linguaggio comune di tutti gli appassionati di cinema...e non solo.
Un opera del genere non fa fatica a entrare nell'immaginario collettivo, perchè sin dalla sua uscita il film era già un classico, un cult, un opera talmente innovativa da dare ispirazione ad altri registi, che apprendendo la lezione di tarantino che ha creato grazie alla sua grandissima cultura cinematografica in cui si nota a ogni scena.
In pulp fiction, e non solo, c'è tutto l'amore di Tarantino per la settima arte, ma andiamo al punto cruciale prima della conclusione, il film si ispira alle storie di gangsters che uscivano negli anni trenta con i pulp magazines, cioè giornali stampati su carta di bassa qualità, e riportati al cinema da Tarantino.
Un film del genere doveva per forza fare storia.
CAPOLAVORO





La Fabbrica dei sogni partecipa al John Travolta Day, gli altri partecipanti sono...

Le recensioni di un bradipo cinefilo
thriller 50/50

Commenti

  1. Filmone indimenticabile, cult dal primo all'ultimo minuto!
    Buon Travolta day! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si concordo buon travolta day anche a te ford :)

      Elimina
  2. Mi basta leggere le prime righe di recensione per farmi prendere da un'incontrollabile voglia di rivederlo.
    Sarebbe la millesima volta, penso.
    Capolavoro!!

    E buon Travolta Day :PP

    RispondiElimina
  3. Beh il miglior film di Travolta, anche grazie al regista;) Da un bel pò che non lo rivedo, dovrò attrezzarmi anch'io:)
    Buon JTD

    RispondiElimina
  4. un caposaldo senza se e senza ma! Buon JTD :D

    RispondiElimina
  5. Epocale e ho detto tutto! Dopo Pulp Fiction il cinema non è stato più lo stesso!

    RispondiElimina
  6. Che si può dire se non CAPOLAVORO?

    Grande John!

    RispondiElimina
  7. Nessun aggettivo è sufficiente a descrivere la bellezza di Pulp Fiction. Viva Quentin Tarantino!
    E auguri John!!!

    RispondiElimina
  8. Direi che miglior film per un Travolta Day non si potrebbe scegliere...certo difficile aggiungere altro quindi mi limito a dire anche qui, Buon TD a tutti anche se mi son persa l'evento. Causa compulsiva mancanza di tempo degli ultimi giorni. ^__^

    RispondiElimina
  9. Risposte
    1. è sempre stato un classico sin dalla sua uscita ^^

      Elimina
  10. Capolavoro. Che si può dire di più? Quel balletto rimarrà per sempre leggenda

    Buon JTD

    RispondiElimina
  11. complimenti per il post!
    io non so se riuscirei a confrontarmi con questo film.
    troppo grande

    RispondiElimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

Nightmare Alley - La Fiera delle Illusioni

  C'è chi con le illusioni ci campa una vita intera... C'è chi usa le illusioni per scopi personali... C'è chi usa le illusioni per giocare con le vite altrui... Dobbiamo renderci conto che questo film, pur essendo un remake, è girato maledettamente bene, forse non è perfetto, ma è buono, e questo basta e avanza per guardarlo. Un film dove Cate Blanchett fa la cattiva non si può perdere, affatto. Alla regia abbiamo quel grandissimo regista che risponde al nome di Guillermo del Toro , da me amatissimo, sin dalla prima volta che vidi  Mimic , in cui recita anche il nostro Giancarlo Giannini , ma è con  Il Labirinto del Fauno , che è entrato nella rosa dei miei registi preferiti, e da allora ho sempre cercato di guardarli i suoi film. Non sono tutti presenti alla fabbrica, ma vi assicuro che ben presto arriveranno, e questa è una mia promessa. Nightmare Alley  si allontana dal genere fantastico che di solito dirige, e così Del Toro  firma un Noir , all'inizio ambientato in

È stata la mano di Dio

  Paolo Sorrentino è un regista che ho sempre apprezzato molto, anche se fino ad oggi non mi era ancora entrato nel cuore. È Stata la mano di Dio è decisamente l'opera fresca, ispirata e molto autobiografica di Sorrentino. Ma è anche un opera, matura, coinvolgente ed emozionante dove  l'autore racconta sed stesso, a cuore aperto, e lo fa in maniera sincera e coinvolgente colpendomi finalmente al cuore. Si perché questo piccolo ma grande film, sfiora di poco il capolavoro, impossibile non affezionarsi a Fabietto, autentico alter ego di Sorrentino in cui attraverso di lui, ci narra la sua adolescenza, nella Napoli degli anni 80, fino alla catarsi finale, quando a causa di un esplosione perde i genitori, fatto che ha cambiato la sua vita per sempre. Poi c'è quella zia un po' matta, che si dice sia ninfomane, personaggio inventato per il film, che è l'unica che capisce quel ragazzo timido dalle ambizioni artistiche. In conclusione, È Stata la Mano di Dio è la migliore p

Acque Profonde

  Anche io ho voluto vedere Acque Profonde di Adrian Lyne , il regista di 9 settimane e mezzo è riuscito a sorprendermi? Leggete la recensione e lo scoprirete.