Passa ai contenuti principali

Indiana Jones e i predatori dell'arca perduta

Comincia la trilogia dedicata a Indy, ecco a voi il primo capitolo, questa settimana è il turno di I predatori dell'arca perduta, primo titolo dei tre film che insieme a Guerre Stellari è entrato nel mito e nella storia delle più importanti pellicole di tutti i tempi.
Per chi ama il cinema d'avventura è impossibile non prendere la trilogia di Indiana Jones, che con la sua frusta ha seminato terrore contro i cattivi che cercano reperti archeologici solo per diventare ricchi, senza capire il significato reale dell'oggetto, e la simbologia nascosta.
In questo episodio Indy dovrà trovare l'arca dell'alleanza, e per farsi aiutare cerca una sua vecchia fiamma che ha un conto in sospeso con lui - l'attrice Karen Allen famosissima negli anni ottanta - ma succede che dei mercenari, o meglio dei predatori al seguito dei nazisti, vogliono arrivare all'arca prima di Indy, allora che fanno? Come Arrivarci al posto suo? Gli tendono una trappola rapendo la sua vecchia fiamma, capendo questo Indy non si fa fregare ma qualcosa va storto...perchè nonostante tutti gli sforzi per arrivarci prima e salvare un tesoro di  insestimabile valore, che nelle mani sbagliate potrebbe causare danni, ma in quelle giuste, se si capisce il suo valore, che è nettamente spirituale potrebbe essere la volta buona per comprendere che certe cose non devono essere usate, perchè è scritto nella natura delle cose.
Ma i predatori vogliono guadagnarci, cosa succederà davanti all'arca dell'alleanza?
E bene precisare una cosa, come blockbuster è uno dei migliori che abbia mai visto, non c'è ombra di dubbio che Spielberg si sia divertito a dirigere questo film, che è stato diretto in maniera arguta da un autore che sa il fatto suo, la sceneggiatura l'ha scritta Lawrence Kasdan ed è stato prodotto a 4 mani pure da George Lucas, quando si parlava poco fa di Guerre Stellari eh?...
Va bene, in conclusione, uno dei film mitici degli anni ottanta, con uno dei personaggi che è ormai diventato un icona per chi era un ragazzino in quegli anni e non solo...
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. Credo sia il mio Indiana preferito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il mio preferito invece è il terzo :)

      Elimina
  2. Adoro zio Steven e adoro Indiana!!! Ne ho un ricordo bellissimo. L'infanzia, i film miei e di mio fratello...che bello...^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh già mitici, meravigliosi favolosi anni ottanta :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.