Passa ai contenuti principali

Paul Thomas Anderson

Paul Thomas Anderson, come ogni giorno dedico una pagina ai miei registi preferiti, presenti alla fabbrica, oggi tocca senza dubbio a PTA, e come potete immaginare vi racconterò la mia story con lui, come l'ho scoperto, i film che mi piacciono, posterò un tributo e le premiazioni ai festival, eh purtroppo ancora per lui l'oscar non è arrivato ma poco importa, perchè prima o poi lo riceverà di questo ne sono più che sicura.

My Story With Paul Thomas Anderson

Con Paul Thomas Anderson è stato ciak a farmi venire la curiosità. E' bastato leggere l'articolo di presenazione del film Boogie Nights per capire che lo volevo vedere, ho affittato la cassetta, l'ho visto e da allora, ogni volta che esce un suo film, stai sicuro che non me lo lascio scappare.
E' considerato uno dei giovani cineasti che hanno fatto della cinefilia, la loro arma di ispirazione che tramuta in personalizzazione della settima arte, il suo cinema è ispirato dai grandi maestri del passato, si va da Robert Altman, Martin Scorsese, Jonathan Demme, John Huston e Stanley Kubrick.
Le sue opere sono spesso corali e incentrate su una tematica attuale quanto vecchia quanto il mondo intero, ovvero la famiglia.
Nonostante ciò riescono a sorprendere e ottenere molti premi ai maggiori festival cinematografici più importanti, oltre che avere ottime critiche.
Ci sono diversi film che preferisco, uno su tutti Magnolia, che presto verrà recensito alla fabbrica, lacerante, spiazzante, un opera così toccante che rappresenta il canto del cigno autoriale di un regista in continua evoluzione.
Secondo me è il suo capolavoro assoluto, nulla da togliere al magnifico Boogie Nights, che è e resta un piccolo capolavoro che parla di un mondo, quello del porno, che per uno spiraglio di tempo, rischiò di diventare un nuovo genere cinematografico, prima di venire inghiottito dall'avidità di produttori che volevano farci i soldi e riempirsi le tasche. E così si narra l'ascesa e la caduta di un mondo destinato a bruciarsi le ali, con magistrale perizia direi.
Poi ci sono tutti gli altri film, come Il Petroliere, Ubriaco D'amore che presto recensirò Sydney sua sorprendente opera prima e via dicendo, ora vi lascio, con i due soliti filmati e la filmografia presente alla fabbrica,e anche futura ^^.






Filmografia

Sydney  (1996) Durata 102 minuti In Arrivo
Boogie Nights - L'altra Hollywood (1997) Durata 156 minuti
Magnolia  (1999) Durata 193 minuti 
Ubriaco D'Amore  (2002) Durata 95 minuti 
Il Petroliere (2007) Durata 158 minuti
The Master (2012) Durata 137 minuti
Vizio di Forma (2014) Durata 148 minuti
Il Filo Nascosto (2017)  durata 130 minuti


Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.