Passa ai contenuti principali

Paul Thomas Anderson

Paul Thomas Anderson, come ogni giorno dedico una pagina ai miei registi preferiti, presenti alla fabbrica, oggi tocca senza dubbio a PTA, e come potete immaginare vi racconterò la mia story con lui, come l'ho scoperto, i film che mi piacciono, posterò un tributo e le premiazioni ai festival, eh purtroppo ancora per lui l'oscar non è arrivato ma poco importa, perchè prima o poi lo riceverà di questo ne sono più che sicura.

My Story With Paul Thomas Anderson

Con Paul Thomas Anderson è stato ciak a farmi venire la curiosità. E' bastato leggere l'articolo di presenazione del film Boogie Nights per capire che lo volevo vedere, ho affittato la cassetta, l'ho visto e da allora, ogni volta che esce un suo film, stai sicuro che non me lo lascio scappare.
E' considerato uno dei giovani cineasti che hanno fatto della cinefilia, la loro arma di ispirazione che tramuta in personalizzazione della settima arte, il suo cinema è ispirato dai grandi maestri del passato, si va da Robert Altman, Martin Scorsese, Jonathan Demme, John Huston e Stanley Kubrick.
Le sue opere sono spesso corali e incentrate su una tematica attuale quanto vecchia quanto il mondo intero, ovvero la famiglia.
Nonostante ciò riescono a sorprendere e ottenere molti premi ai maggiori festival cinematografici più importanti, oltre che avere ottime critiche.
Ci sono diversi film che preferisco, uno su tutti Magnolia, che presto verrà recensito alla fabbrica, lacerante, spiazzante, un opera così toccante che rappresenta il canto del cigno autoriale di un regista in continua evoluzione.
Secondo me è il suo capolavoro assoluto, nulla da togliere al magnifico Boogie Nights, che è e resta un piccolo capolavoro che parla di un mondo, quello del porno, che per uno spiraglio di tempo, rischiò di diventare un nuovo genere cinematografico, prima di venire inghiottito dall'avidità di produttori che volevano farci i soldi e riempirsi le tasche. E così si narra l'ascesa e la caduta di un mondo destinato a bruciarsi le ali, con magistrale perizia direi.
Poi ci sono tutti gli altri film, come Il Petroliere, Ubriaco D'amore che presto recensirò Sydney sua sorprendente opera prima e via dicendo, ora vi lascio, con i due soliti filmati e la filmografia presente alla fabbrica,e anche futura ^^.






Filmografia

Sydney  (1996) Durata 102 minuti In Arrivo
Boogie Nights - L'altra Hollywood (1997) Durata 156 minuti
Magnolia  (1999) Durata 193 minuti 
Ubriaco D'Amore  (2002) Durata 95 minuti 
Il Petroliere (2007) Durata 158 minuti
The Master (2012) Durata 137 minuti
Vizio di Forma (2014) Durata 148 minuti


Commenti

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.