Passa ai contenuti principali

Paul Thomas Anderson

Paul Thomas Anderson, come ogni giorno dedico una pagina ai miei registi preferiti, presenti alla fabbrica, oggi tocca senza dubbio a PTA, e come potete immaginare vi racconterò la mia story con lui, come l'ho scoperto, i film che mi piacciono, posterò un tributo e le premiazioni ai festival, eh purtroppo ancora per lui l'oscar non è arrivato ma poco importa, perchè prima o poi lo riceverà di questo ne sono più che sicura.

My Story With Paul Thomas Anderson

Con Paul Thomas Anderson è stato ciak a farmi venire la curiosità. E' bastato leggere l'articolo di presenazione del film Boogie Nights per capire che lo volevo vedere, ho affittato la cassetta, l'ho visto e da allora, ogni volta che esce un suo film, stai sicuro che non me lo lascio scappare.
E' considerato uno dei giovani cineasti che hanno fatto della cinefilia, la loro arma di ispirazione che tramuta in personalizzazione della settima arte, il suo cinema è ispirato dai grandi maestri del passato, si va da Robert Altman, Martin Scorsese, Jonathan Demme, John Huston e Stanley Kubrick.
Le sue opere sono spesso corali e incentrate su una tematica attuale quanto vecchia quanto il mondo intero, ovvero la famiglia.
Nonostante ciò riescono a sorprendere e ottenere molti premi ai maggiori festival cinematografici più importanti, oltre che avere ottime critiche.
Ci sono diversi film che preferisco, uno su tutti Magnolia, che presto verrà recensito alla fabbrica, lacerante, spiazzante, un opera così toccante che rappresenta il canto del cigno autoriale di un regista in continua evoluzione.
Secondo me è il suo capolavoro assoluto, nulla da togliere al magnifico Boogie Nights, che è e resta un piccolo capolavoro che parla di un mondo, quello del porno, che per uno spiraglio di tempo, rischiò di diventare un nuovo genere cinematografico, prima di venire inghiottito dall'avidità di produttori che volevano farci i soldi e riempirsi le tasche. E così si narra l'ascesa e la caduta di un mondo destinato a bruciarsi le ali, con magistrale perizia direi.
Poi ci sono tutti gli altri film, come Il Petroliere, Ubriaco D'amore che presto recensirò Sydney sua sorprendente opera prima e via dicendo, ora vi lascio, con i due soliti filmati e la filmografia presente alla fabbrica,e anche futura ^^.






Filmografia

Sydney  (1996) Durata 102 minuti In Arrivo
Boogie Nights - L'altra Hollywood (1997) Durata 156 minuti
Magnolia  (1999) Durata 193 minuti 
Ubriaco D'Amore  (2002) Durata 95 minuti 
Il Petroliere (2007) Durata 158 minuti
The Master (2012) Durata 137 minuti
Vizio di Forma (2014) Durata 148 minuti


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.