Passa ai contenuti principali

Quentin Tarantino

E finalmente la pagina dedicata a Quentin Tarantino, regista ecclettico come pochi, grande cinefilo, il suo amore per il cinema lo si riconosce dallo stile inconfondibile delle sue opere cinematografiche, molto citazioniste.

My Story With Quentin Tarantino

Tutto cominciò nel '96 circa, quando decisi di vedere Pulp Fiction.
Ad una prima visione non mi piacque, non mi convinse molto ad essere precisi, troppo strambo lo stile, troppo vorticoso, ed è vero.
Tutto cambiò con l'arrivo di un amico con cui rivedetti per l'ennesima volta Pulp Fiction, e mi ha fatto amare la pellicola, subito lo guardai con occhi diversi e poi, come spesso accade arrivò la curiosità per altre opere di Quentin, da Le Iene fino a Jackie Brown che è senza dubbio il film che preferisco.
Con internet, come è spesso accaduto per praticamente tutti i miei registi preferiti o quasi - ce ne sono diversi che devo ancora completare - ho completato la visione della sua filmografia, ho visto Bastardi Senza Gloria, Grindhouse a prova di Morte, Django Unchained e The Hateful Eight, questi ultimi recensiti alla fabbrica.
Come potete intuire ormai fa parte dell'olimpo dei miei registi preferiti, e certamente non si può non metterlo data la sua abilità di fare cinema differente, in modo innovativo e anche geniale, poi c'è una cosa che apprezzo in Quentin, cioè la capacità di rinverdire carriere di attori ormai finiti nel dimenticatoio.
E' successo sin dalla sua opera d'esordio Le Iene, che riesuma dalla tomba la carriera di Lawrence Tierney, con Pulp Fiction ridà lustro alla carriera di un attore da me amatissimo John Travolta che ottiene una nomination all'oscar, per continuare con Jackie Brown, che ha come protagonisti Robert Forster e Pam Grier, che ora sono nella rosa dei mei attori preferiti, fino a rinverdire le carriera di David Carradine e Jennifer Jason Leigh.
Con Tarantino il cinema diventa un esperienza che ogni cinefilo deve vivere sul grande schermo e racchiude il suo grande amore per la settima arte, che traspare anche nel rinverdire le carriere di attori che ammira.
Il cinema del passato con lui, diventa attuale.
 E adesso come sempre premiazioni, tributi di youtube e filmografia ^^





Filmografia

Le Iene  (1992) Durata 99 minuti  
Pulp Fiction (1994) Durata 154 minuti
Jackie Brown  (1997) Durata 154 minuti 
Kill Bill Vol 1 (2003) Durata 106 minuti
Kill Bill Vol 2  (2004) Durata 137 minuti 
Grindhouse - A Prova di Morte (2007) Durata 114 minuti
Bastardi Senza Gloria (2009) Durata 153 minuti
Django Unchained (2012) Durata 165 minuti
The Hateful Eight (2015) Durata 187 minuti vers 70 mm 165 vers Digitale


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.