Passa ai contenuti principali

Quentin Tarantino

E finalmente la pagina dedicata a Quentin Tarantino, regista ecclettico come pochi, grande cinefilo, il suo amore per il cinema lo si riconosce dallo stile inconfondibile delle sue opere cinematografiche, molto citazioniste.

My Story With Quentin Tarantino

Tutto cominciò nel '96 circa, quando decisi di vedere Pulp Fiction.
Ad una prima visione non mi piacque, non mi convinse molto ad essere precisi, troppo strambo lo stile, troppo vorticoso, ed è vero.
Tutto cambiò con l'arrivo di un amico con cui rivedetti per l'ennesima volta Pulp Fiction, e mi ha fatto amare la pellicola, subito lo guardai con occhi diversi e poi, come spesso accade arrivò la curiosità per altre opere di Quentin, da Le Iene fino a Jackie Brown che è senza dubbio il film che preferisco.
Con internet, come è spesso accaduto per praticamente tutti i miei registi preferiti o quasi - ce ne sono diversi che devo ancora completare - ho completato la visione della sua filmografia, ho visto Bastardi Senza Gloria, Grindhouse a prova di Morte, Django Unchained e The Hateful Eight, questi ultimi recensiti alla fabbrica.
Come potete intuire ormai fa parte dell'olimpo dei miei registi preferiti, e certamente non si può non metterlo data la sua abilità di fare cinema differente, in modo innovativo e anche geniale, poi c'è una cosa che apprezzo in Quentin, cioè la capacità di rinverdire carriere di attori ormai finiti nel dimenticatoio.
E' successo sin dalla sua opera d'esordio Le Iene, che riesuma dalla tomba la carriera di Lawrence Tierney, con Pulp Fiction ridà lustro alla carriera di un attore da me amatissimo John Travolta che ottiene una nomination all'oscar, per continuare con Jackie Brown, che ha come protagonisti Robert Forster e Pam Grier, che ora sono nella rosa dei mei attori preferiti, fino a rinverdire le carriera di David Carradine e Jennifer Jason Leigh.
Con Tarantino il cinema diventa un esperienza che ogni cinefilo deve vivere sul grande schermo e racchiude il suo grande amore per la settima arte, che traspare anche nel rinverdire le carriere di attori che ammira.
Il cinema del passato con lui, diventa attuale.
 E adesso come sempre premiazioni, tributi di youtube e filmografia ^^





Filmografia

Le Iene  (1992) Durata 99 minuti  
Pulp Fiction (1994) Durata 154 minuti
Jackie Brown  (1997) Durata 154 minuti 
Kill Bill Vol 1 (2003) Durata 106 minuti
Kill Bill Vol 2  (2004) Durata 137 minuti 
Grindhouse - A Prova di Morte (2007) Durata 114 minuti
Bastardi Senza Gloria (2009) Durata 153 minuti
Django Unchained (2012) Durata 165 minuti
The Hateful Eight (2015) Durata 187 minuti vers 70 mm 165 vers Digitale


Commenti

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.