Passa ai contenuti principali

Quentin Tarantino

E finalmente la pagina dedicata a Quentin Tarantino, regista ecclettico come pochi, grande cinefilo, il suo amore per il cinema lo si riconosce dallo stile inconfondibile delle sue opere cinematografiche, molto citazioniste.

My Story With Quentin Tarantino

Tutto cominciò nel '96 circa, quando decisi di vedere Pulp Fiction.
Ad una prima visione non mi piacque, non mi convinse molto ad essere precisi, troppo strambo lo stile, troppo vorticoso, ed è vero.
Tutto cambiò con l'arrivo di un amico con cui rivedetti per l'ennesima volta Pulp Fiction, e mi ha fatto amare la pellicola, subito lo guardai con occhi diversi e poi, come spesso accade arrivò la curiosità per altre opere di Quentin, da Le Iene fino a Jackie Brown che è senza dubbio il film che preferisco.
Con internet, come è spesso accaduto per praticamente tutti i miei registi preferiti o quasi - ce ne sono diversi che devo ancora completare - ho completato la visione della sua filmografia, ho visto Bastardi Senza Gloria, Grindhouse a prova di Morte, Django Unchained e The Hateful Eight, questi ultimi recensiti alla fabbrica.
Come potete intuire ormai fa parte dell'olimpo dei miei registi preferiti, e certamente non si può non metterlo data la sua abilità di fare cinema differente, in modo innovativo e anche geniale, poi c'è una cosa che apprezzo in Quentin, cioè la capacità di rinverdire carriere di attori ormai finiti nel dimenticatoio.
E' successo sin dalla sua opera d'esordio Le Iene, che riesuma dalla tomba la carriera di Lawrence Tierney, con Pulp Fiction ridà lustro alla carriera di un attore da me amatissimo John Travolta che ottiene una nomination all'oscar, per continuare con Jackie Brown, che ha come protagonisti Robert Forster e Pam Grier, che ora sono nella rosa dei mei attori preferiti, fino a rinverdire le carriera di David Carradine e Jennifer Jason Leigh.
Con Tarantino il cinema diventa un esperienza che ogni cinefilo deve vivere sul grande schermo e racchiude il suo grande amore per la settima arte, che traspare anche nel rinverdire le carriere di attori che ammira.
Il cinema del passato con lui, diventa attuale.
 E adesso come sempre premiazioni, tributi di youtube e filmografia ^^








Filmografia

Le Iene  (1992) Durata 99 minuti  
Pulp Fiction (1994) Durata 154 minuti
Jackie Brown  (1997) Durata 154 minuti 
Kill Bill Vol 1 (2003) Durata 106 minuti
Kill Bill Vol 2  (2004) Durata 137 minuti 
Grindhouse - A Prova di Morte (2007) Durata 114 minuti
Bastardi Senza Gloria (2009) Durata 153 minuti
Django Unchained (2012) Durata 165 minuti
The Hateful Eight (2015) Durata 187 minuti vers 70 mm 165 vers Digitale


Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.