Passa ai contenuti principali

Lars Von Trier

Il suo pubblico è diviso in due: C'è chi lo ama, e chi lo detesta, difficilmente una sua opera la dimenticherete dopo averla vista.
Un regista scomodo, disturbante al limite dell'assurdo, sfido chiunque a vedere un suo film senza avere nessuna reazione.
Disturbante il buon Lars lo è, sia con i suoi attori, che con le sue storie, è inutile girarci intorno, lui è l'incubo di chi recita nei suoi film, ma è anche un autore capace di indignare e aprirti gli occhi sulle crudeltà della vita.

My Story With Lars Von Trier

Inutile girarci intorno, il mio rapporto con questo regista è di amore/odio, sembra strano ma è così, ho adorato Le Onde Del Destino e Dancer In The Dark, così come anche Idioti e altre storie, ma davanti a Anthichrist avrei voluto legarlo a una sedia per infliggergli le più atroci torture.
L'ammirazione e repulsione verso il suo cinema raggiunge l'apice con Anthichrist, ma nonostante tutto sono sempre qui ad aspettare la sua nuova disturbantissima pellicola, che ovviamente non mi perderò.
Perché un artista deve essere disturbante ma deve aprire anche le coscienze, e vi assicuro che Lars te le apre in otto le coscienze…
Ecco un tributo al suo cinema e la sua filmografia
Ah aggiungo inoltre che Von Trier l'ho conosciuto grazie a ciak nel 1996, quando uscì il bellissimo Le Onde Del Destino.












Filmografia

L'elemento del Crimine (1984) 104 minuti
Epidemic (1987) 102 minuti
Medea (1988) 75 minuti
Europa (1991) 112 minuti
Le Onde Del Destino (1996) 159 minuti
Idioti (1998) 112 minuti
Dancer in The Dark (2000) 140 minuti
Dogville(2003) 171 minuti - 138 minuti
Le 5 Variazioni (2003)  90 minuti
Manderlay (2005) 135 minuti
Il Grande Capo (2006) 99 minuti
Antichrist (2009) 104 e 109 minuti
Melancholia (2011) 130 minuti
Nymphomaniac 12 (2014) 240 minuti vers standard 330 minuti vers estesa
The House That Jack Built (2018) Prossimamente

Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.