Passa ai contenuti principali

Lars Von Trier

Il suo pubblico è diviso in due: C'è chi lo ama, e chi lo detesta, difficilmente una sua opera la dimenticherete dopo averla vista.
Un regista scomodo, disturbante al limite dell'assurdo, sfido chiunque a vedere un suo film senza avere nessuna reazione.
Disturbante il buon Lars lo è, sia con i suoi attori, che con le sue storie, è inutile girarci intorno, lui è l'incubo di chi recita nei suoi film, ma è anche un autore capace di indignare e aprirti gli occhi sulle crudeltà della vita.

My Story With Lars Von Trier

Inutile girarci intorno, il mio rapporto con questo regista è di amore/odio, sembra strano ma è così, ho adorato Le Onde Del Destino e Dancer In The Dark, così come anche Idioti e altre storie, ma davanti a Anthichrist avrei voluto legarlo a una sedia per infliggergli le più atroci torture.
L'ammirazione e repulsione verso il suo cinema raggiunge l'apice con Anthichrist, ma nonostante tutto sono sempre qui ad aspettare la sua nuova disturbantissima pellicola, che ovviamente non mi perderò.
Perché un artista deve essere disturbante ma deve aprire anche le coscienze, e vi assicuro che Lars te le apre in otto le coscienze…
Ecco un tributo al suo cinema e la sua filmografia
Ah aggiungo inoltre che Von Trier l'ho conosciuto grazie a ciak nel 1996, quando uscì il bellissimo Le Onde Del Destino.












Filmografia

L'elemento del Crimine (1984) 104 minuti
Epidemic (1987) 102 minuti
Medea (1988) 75 minuti
Europa (1991) 112 minuti
Le Onde Del Destino (1996) 159 minuti
Idioti (1998) 112 minuti
Dancer in The Dark (2000) 140 minuti
Dogville(2003) 171 minuti - 138 minuti
Le 5 Variazioni (2003)  90 minuti
Manderlay (2005) 135 minuti
Il Grande Capo (2006) 99 minuti
Antichrist (2009) 104 e 109 minuti
Melancholia (2011) 130 minuti
Nymphomaniac 12 (2014) 240 minuti vers standard 330 minuti vers estesa
The House That Jack Built (2018) Prossimamente

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.