Passa ai contenuti principali

David Lynch

Con David Lynch, si apre un pezzo della mia storia di cinefila.
Tutto comincia con Lynch, con Twin Peaks e anche col suo cinema, che per me è sempre stato un evento programmato e imperdibile ogni qualvolta usciva un suo film.

My Story With David Lynch
Come ho detto prima tutto cominciò con Twin Peaks, serie tv che ha rivoluzionato il modo di fare telefilm nel mondo.
Da subito mi rendetti conto che dovevo vedere questo telefilm, cascasse il mondo era una cosa che volevo vedere, all'inizio non so cosa mi attirava, l'unica cosa che sapevo è che dovevo vederlo.
Settimana dopo settimana - ero ancora una ragazzina allora, andavo a scuola e avevo sedici anni - mi accorsi che Twin Peaks, non era un semplice telefilm, lo seguivo e avevo la netta certezza che l'autore di questo telefilm lo dovevo approfondire.
Cominciò così l'amore per il cinema, che mi ha portato alla conoscenza di altri autori che piano piano vi racconterò.
Continuando con Lynch, nel '91, non vidi Twin Peaks, tutto quanto ma mi piaceva un sacco.
Tutto cominciò seriamente nell'estate del 1994, era già un anno che avevo il videoregistratore e dentro di me sapevo che dovevo continuare il discorso e la conoscenza di colui che reputo uno dei maggiori registi della storia del cinema.
Ebbene, non ci potete credere, quell'estate fecero Twin Peaks, anche se non l'hanno fatto tutto, poco importa perchè ho cominciato a registrare e vedere i suoi film.
Primo film visto Fuoco cammina con me, una folgorazione, e cominciarono le ricerche su questo regista piuttosto strano - che cazzata hahaha - che volente o nolente è entrato nella mia vita senza lasciarla mai più.
Secondo film visto Velluto Blu, anche qui un altra consapevolezza che mi trovavo di fronte uno dei più grandi cineasti di sempre, anche se la pellicola era lineare, poco importa, perchè con Cuore Selvaggio, che ho visto infinite volte ho avuto la consapevolezza che Lynch sarebbe stato che lo si voglia ammettere o no, uno dei capisaldi della mia vita di cinefila.
Poi sono arrivati gli altri film, Dune, che per anni è stato il mio film di David Lynch preferito, perchè ho capito l'estrema profondità, ora l'ho nettamente rivalutato, pur riconoscendone i tantissimi pregi di un opera ben lontana dal suo stile, ma comunque da collezionare.
Poi quel capolavoro assoluto chiamato The Elephant Man, anche questo film visto infinite volte, ora è tra i film della mia vita, fino a Strade Perdute, un vero delirio cinematografico degno del miglior Hitchcock e Bunuel messi insieme, poi sono arrivati Mulholland Drive e il solare Una Storia Vera, che mi ha fatto conoscere il suo lato più solare.
Le tematiche di Lynch sono piuttosto complesse, Lynch è innanzitutto un surrealista, è visionario, è complicato, i suoi ultimi film, sono per i più indecifrabili, ma sono pezzi di storia del cinema, c'è poco da fare.
Le tematiche come ho preannunciato prima sono vivisezionare il lato oscuro delle piccole cittadine di provincia, le ossessioni psichiche dell'uomo, cercare il lato oscuro delle metropoli, come la trilogia su Los Angeles e tanto altro ancora.
E' un universo sfaccettato che ha in INLAND EMPIRE, suo ultimo film il suo canto del cigno.
Sapete che, una volta preso internet ho potuto visionare la sua completa filmografia e conoscerlo come si deve? Esatto, a parte INLAND EMPIRE, l'unico film che ancora non avevo visto era Eraserhead, che poi ho visto.
Oggi conosco il cinema di Lynch a memoria, potrei persino scrivere dei libri su di lui, chissà magari me li pubblicherebbero.
Alla fabbrica, ci sono recensiti quasi tutti i suoi film, presto completerò la filmografia, dopo un altra visione.
Potrei scrivere le recensioni a memoria, ma certamente il rivedere alcuni dei capisaldi della mia vita è per me un grande piacere.
Come sempre alcuni filmati delle premiazioni a Cannes, ovviamente - l'oscar a Lynch non l'hanno dato mannaggia la miseria tzèè - poi il tributo di youtube e la sua filmografia.









Filmografia

Eraserhead (1977) Durata 89 minuti
The Elephant Man  (1980) Durata 123 minuti
Dune  (1984) Durata 137 minuti 
Velluto Blu (1986) Durata 120 minuti
Cuore Selvaggio (1990) Durata 124 minuti
Twin Peaks - Fuoco Cammina con Me (1992) Durata 130 minuti
Strade Perdute (1997) Durata 135 minuti
Una Storia Vera (1999)  Durata 112 minuti
Mulholland Drive (2001) Durata 146 minuti
INLAND EMPIRE  (2006) Durata 180 minuti 





Commenti

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.