Passa ai contenuti principali

Gus Van Sant

Pagina dedicata al grande Gus Van Sant, regista che ha cominciato con il cinema indipendente e autoriale, per poi fare anche opere più mainstream sempre incentrate su tematiche particolari, legate appunto ai diritti lgbt, ma non solo quelli, si basti citare anche Will Hunting Genio Ribelle, Da Morire, con una straordinaria Nicole Kidman, o Scoprendo Forrest, dove ci recita il grande Sean Connery.
Tra le sue ultime pellicole cito senza ombra di dubbio Milk, che ha regalato il secondo oscar a Sean Penn e Elephant, film indipendente girato con attori non professionisti, che racconta i fatti del liceo di Columbine, e che gli ha fatto vincere la sua prima palma d'oro a Cannes.

My Story With Gus Van Sant
Mi sono avvicinata al cinema di Gus Van Sant per caso, avevo già visto Da Morire con Nicole Kidman e proprio nel 2002, cominciai a registrare i suoi film alla tv, le sue tematiche sono precise e vengono sottolineate sin dalla sua opera d'esordio, quel Mala Noche, film praticamente introvabile in italiano, dove mette subito in chiaro come sarà il suo cinema.
Ma è con Da Morire, commedia nera che è un po' una parodia sul mondo della tv, capace di generare mostri, che riesce a spiazzare il suo pubblico, grazie alla straordinaria interpretazione di Nicole Kidman, che finalmente viene riconosciuta come attrice che cammina con le sue gambe, togliendosi l'etichetta di signora Cruise, comprimario della Kidman è Joaquin Phoenix, che viene appunto lanciato da questo film.
Poi ci sono tanti altri film tra cui Belli e Dannati, in cui recitano il compianto River Phoenix e Keanu Reeves, storia molto gaya, come la maggioranza delle pellicole del regista americano, che, oltre a vivere la sua omosessualità alla luce del sole - si è sempre dichiarato gay apertamente senza nasconderlo mai - è capace anche con il suo cinema a volte ribelle e anticonformista di saper parlare al pubblico, di dargli una sua precisa impronta stilistica che ne ha consentito il riconoscimento sia ai cinefili, che al grande pubblico.
La cosa che apprezzo di più è che nonostante abbia toccato sia il cinema indipendente e mainstream, non ha mai rinunciato alla sua impronta ribelle che ne ha caratterizzato la maggior parte delle sue opere cinematografiche.
E la maggioranza dei suoi film hanno partecipato ai maggiori festival cinematografici mondiali, tra i riconoscimenti che ha ottenuto ci sono la palma d'oro a cannes per Elephant e il premio per il 60° Anniversario sempre a cannes per Paranoid Park.
 Adesso, come sempre accade, il filmato della premiazione a Cannes per la palma d'oro a Elephant, tributo al suo cinema e la sua filmografia completa, che è tutta recensita alla fabbrica.














Filmografia
 Mala Noche (1985) Durata 78 minuti
Drugstore Cowboy (1989) Durata 100 minuti
Belli e Dannati (1991) Durata 102 minuti
Cowgirl - Il nuovo sesso (1993) Durata 95 minuti
Da Morire  (1995) Durata 102 minuti
Will Hunting - Genio Ribelle (1997) Durata 126 minuti
Psycho (1998) Durata 103 minuti
Scoprendo Forrester (2000) Durata 136 minuti
Gerry  (2002) Durata 103 minuti
Elephant (2003) Durata 81 minuti
Last Days (2005) Durata 97 minuti
Paranoid Park (2007) Durata 85 minuti
Milk (2008) Durata 128 minuti
L'amore che Resta (2011) Durata 95 minuti
Promised Land (2012) Durata 106 minuti
La Foresta Dei Sogni (2015) Durata 110 minuti

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.