Passa ai contenuti principali

François Truffaut

Ecco la pagina dedicata a uno dei registi che più stimo...il grande François Truffaut.
Conosciuto nell'estate del 2007, grazie a quel grandissimo amico cinefilo che è J Doinel, suo grande estimatore, primo film visto Jules e Jim a cui sono seguiti altri.
Nel 2008 apro il blog e visiono tutta la filmografia.

My Story With François Truffaut

Parlare di Truffaut per me significa aprire lo scrigno dei ricordi verso una cinefilia più matura e consapevole, ho cominciato ad apprezzarlo 11 anni fa, e da allora mi approcciai a conoscere diversi autori della Nouvelle Vague, che dovrei continuare, prima o poi li completerò tutti promesso.
Per quanto riguarda Truffaut mi ha sorpreso sin da subito la sua capacità di parlare di cinema attraverso la sua macchina da presa, rendendo le sue opere molto vicine alla vita.
Film dopo film, capii che le sue opere cinematografiche parlavano di quella cosa fantastica chiamata amore, ma soprattutto è un autore capace di lavorare con i bambini in una maniera incredibile e sincera, in una parola unica.
Ed è proprio parlando d'infanzia che esordisce nel lontano 1959, con quel capolavoro chiamato I 400 Colpi che entra di diritto nella storia del cinema.
Si susseguono altri film compreso il mitico Jules e Jim, poi Il Ragazzo Selvaggio, Le due inglesi e il continente, che era il suo film preferito tra quelli che ha diretto, per poi passare a L'ultimo Metrò, La Signora della porta accanto, e riuscire anche a fare ridere con Mica Scema la Ragazza!
Il cinema di Truffaut è un cinema che non richiede particolari complessi, ma soltanto apprezzare la semplicità della vita, riuscendo a tornare anche bambini.
E non è facile fare un film con i bambini, lui ci riusciva e colpiva infondo al cuore, perché faceva uscire il bambino che era in lui.
E' morto nel 1984 per un tumore al cervello, la cosa mi dispiace perché se fosse stato ancora vivo negli anni ottanta, negli anni novanta, ci avrebbe regalato ulteriori capolavori.
Adesso la vittoria agli oscar per Effetto Notte, sua dichiarazione d'amore per il cinema e il tributo, e infine la sua filmografia.






Filmografia

I 400 Colpi (1959) 99 minuti
Tirate Sul Pianista (1960) 85 minuti
Jules e Jim (1962) 110 minuti
La Calda Amante (1964) 116 minuti
Fahrenheit 451 (1966) 112 minuti
La Sposa In Nero (1967) 107 minuti
Baci Rubati (1968) 90 minuti
La Mia Droga si Chiama Julie (1969) 120 minuti
Il Ragazzo Selvaggio (1969) 83 minuti
Non Drammatizziamo, è solo Questione di Corna (1970) 
Le Due Inglesi e Il Continente (1971) 132 minuti
Mica Scema la Ragazza! (1972) 98 minuti
Effetto Notte (1973) 115 minuti
Adele H - Una Storia D'amore (1975) 110 minuti
Gli Anni in Tasca (1976) 104 minuti
L'uomo che Amava Le Donne (1977)  118 minuti
La Camera Verde (1978) 98 minuti
L'amore Fugge (1979) 94 minuti
L'ultimo Metrò (1980) 128 minuti
La Signora Della Porta Accanto (1981) 106 minuti
Finalmente Domenica (1983) 111 minuti

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.