Passa ai contenuti principali

L'Amore Fugge

                                               Riguarda & Recensisci
Finalmente una boccata d'aria contro quel tugurio dell'ultimo film di Bèla Tarr, che ho recensito alla fabbrica per la gioia dei miei lettori.
Torna anche oggi il magnifico François Truffaut con l'amore fugge.
Siamo quasi in dirittura d'arrivo, ormai mancano all'appello soltanto due film per completare tutta la filmografia - anche se stavo pensando che voglio recensire Mare Dentro. -  Sapete che faccio? Lo recensisco domani per differenziare, così vedo qualcosa di diverso.

 Andiamo al dunque.
Film che sembra un album di ricordi, con protagonista lui, il solo e unico Antoine Doinel, protagonista di una saga di film, in cui è l'alter ego del regista Truffaut, si vedono spezzoni dal primo film I 400 Colpi per continuare con Antoine e Collette, fino agli altri film della serie Baci Rubati e infine Non drammatizziamo, è solo questione di Corna di cui L'amore Fugge è l'ideale capitolo finale della saga.
Si parla d'amore, di difficoltà a fare fuori uscire i sentimenti, di capire dove risiede il nostro cuore e tanto altro ancora.
C'è sempre la solita freschezza di Truffaut, e questo rende la visione piacevole e divertente, ma a conti fatti il film non è un capolavoro come gli altri film.
Resta comunque un ottimo film capace di parlare di sentimenti e di divertire perchè no?
Truffaut non ha voluto chiudere la saga di Antoine Doinel con chissà quali inventive, ha voluto fare un film semplice semplice, tanto per sfogliare l'album dei ricordi, e farci salutare colui che è il suo alter ego, incarnato dall'attore feticcio Jean Pierre Leaud.
E' un film che non ha nessuna pretesa, forse anche per questo si lascia vedere bene, comunquesia pur non avendo la presunzione come altre opere di essere capolavori per forza, riesce a sorprendere per l'assoluta freschezza e leggerezza.
Nessun dramma, nessuna lite, solo l'amore decantato da un autore che ha fatto di  esso, uno dei cardini del suo cinema.
Un film capace di  coinvolgere lo spettatore, uno spettacolo per la gioia degli occhi e del cuore, finalmente si parla d'amore con leggerezza e infinita gioia, anche se le difficoltà della vita ci sono sempre.
Un film capace di fare sognare perchè no?
Ci vuole un po' di leggerezza al cinema, anche se bisogna essere realistici e far si che gli spettatori si appassionano all'opera cinematografica.
Questo film mi è piaciuto molto anche ad una seconda visione per recensirlo qui, oggi ;)
Voto: 7

  


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.