Passa ai contenuti principali

Tirate Sul Pianista

                                                            Riguarda & Recensisci
 Siamo alla fine ragazzi, ultima recensione dei film di François Truffaut, non so se in giro ci sono blog che hanno completato la filmografia, perciò non parlo in proposito, comunque sia ci siamo.
La cosa buffa è che Tirate sul Pianista è oltre che un piccolo e curiosissimo film,  anche l'ultimo che ho visto di Truffaut, e ovviamente rivisto per recensirlo oggi alla fabbrica.
Naturalmente è la sua opera numero due dopo I 400 Colpi.
Film assai diverso dal suo folgorante esordio, qui si è divertito a giocare in una pellicola da una trama ad incastri, a metà strada tra un piccolo giallo, una commedia, e un film d'amore, tutto giocato con astuzia e in maniera molto spiccia..

La trama racconta di un famoso pianista, che suona il piano con un nome diverso dato che si è ritirato dalle scene dopo la morte della moglie.
Incontra suo fratello e gli da una mano perchè è inseguito da dei gangster, e diventa anche lui bersaglio dei malviventi.
Naturalmente si innamora di una giovane donna che finirà per diventare la preda per i malviventi.
Come ho detto un film cuioso, diversissimo dai film che conosciamo e che verranno in futuro segnando la carriera di Truffaut come uno dei più importanti registi della storia del cinema.
Proprio per questo va visto, perchè pur non essendo ambizioso come il suo precedente film ha in se una peculiarità che lo rende un piccolo oggettino prezioso nella collezione di qualsiasi appassionato di cinema che si rispetti.
Un cult movie insomma, che, seppur non toccando le vette del capolavoro, risulta imperdibile per tutti i fans del grande regista francese e anche per tutti gli appassionati di cinema che si rispetti.
Mi è piaciuto, il protagonista è il famoso cantante Charles Aznavur, ai tempi era una vera celebrità, oggi forse se lo ricordano soltanto i nostri genitori o nonni.
C'è musica, c'è intrigo, c'è una trama che è un mix di vari generi e stili, non si può assolutamente perdere perchè dimostra che Truffaut è capace anche di osare con i generi cinematografici, divertendosi a giocarci per giunta.
Infatti è una visione piacevolissima che non stanca mai.
In conclusione, un film particolarissimo che chiude questa piccola rassegna che ho continuato su Truffaut, completando tutta la filmografia, a giorni ci sarà la pagina dedicata proprio a Truffaut, e poi in futuro cercherò anche i cortometraggi, speriamo di trovarli, comunque sia spero che abbiate gradito il tutto perchè io mi sono divertita un mondo a recensire e rivedere i suoi film, perchè ho scoperto tanti particolari che me lo hanno fatto apprezzare molto di più.
Voto: 7

 



Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.