Passa ai contenuti principali

Oceania

Può un film d'animazione coniugare avventura, divertimento e comicità in una botta sola? SI, se quel film d'animazione si chiama Oceania, che in originale si chiama Moana, ma per evitare fraintendimenti con la celebre pornostar, è stato ribattezzato appunto Oceania.

Comunquesia, è una storia che riesce a intrigare, capace anche di sorprendere grandi e piccini.
Questa ragazza impavida e coraggiosa, che decide di intraprendere una avventura per restituire il cuore all'isola in cui è nata, è uno dei cartoon più riusciti della stagione, questo senza ombra di dubbio.
La Disney è capace di non sbagliare un colpo nemmeno stavolta, e riesce nonostante la computer graphic, a coinvolgere il pubblico con una storia capace di bucare lo schermo, e scusate se è poco.
E' la storia di un viaggio, il cui cammino è accompagnato da un uomo capace di fare uscire il meglio di lei, un semidio, allo stesso tempo il personaggio è caratterizzato da un carattere scorbutico che rendono irresistibilmente divertente il film.
Nonostante ciò, le loro differenze, i loro caratteri opposti appaiono decisamente intriganti, e rendono la storia capace di creare empatia con lo spettatore in maniera intelligente e mai banale.
Ci si diverte, si ride e soprattutto si rimane conquistati dalla storia grazie all'abilità di uno script piacevolmente coinvolgente firmato da Jared Bush.
Ovviamente magnifica la computer graphic che fa di questo film un piccolo gioiellino, oltre ovviamente i contenuti.
Quando l'ho visto ne sono rimasta piacevolmente sorpresa, è ovviamente uno dei primi film che ho visionato quest'anno, e perciò non nascondo che mi è piaciuto moltissimo.
Nonostante ciò, dobbiamo dire che la computer graphic sta piano piano sostituendo l'animazione tradizionale, con storie capaci di restare impresse nella memoria e nel cuore degli spettatori, anche se sinceramente parlando, ogni tanto fa piacere rispolverare i vecchi cartoons, questo Oceania, non è certamente un capolavoro, ma si fa voler bene, e non sfigura di certo tra la vostra collezione di film d'animazione.
Che altro dirvi se non consigliando la visione?
Io l'ho visto, e certamente lo rivedrò altre volte, fatelo anche voi, sono sicura che vi piacerà, così come è successo alla sottoscritta.
Ma io dico, un cartone strafighissimo come questo, che ci state a guardarvelo pure voi? L'avete visto? Non l'avete visto? E' essenziale ammettere che nonostante la grafica computerizzata, e chiamiamola col suo nome per dio, c'ha un appeal cool per piacere sia ai grandi che ai bambini, quindi armatevi di telecomando - sempre che sia uscito in dvd o blue ray - sedetevi in poltrona e gustatevi questo bellissimo cartone.
Voto: 7

 

Commenti

  1. Molto carino e con delle canzoni bellissime :)

    RispondiElimina
  2. Vero, è un film delizioso, poi ha una trama che cattura e che ti intriga in maniera irresistibile, sono pochi i cartoni come questo ^^

    RispondiElimina
  3. Un bel film, ma peccato che non ha raggiunto quel "qualcosa in più" che ha avuto Zootropolis.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naaa, questo secondo me è più bello, cmq de gustibus xD

      Elimina
  4. Sono d'accordo con Marco, anche io ho preferito Zootropolis, più originalità, più spunti, magnifico anche quello dal punto di vista grafico. Oceania mi è piaciuto, più di Frozen per fare paragoni tra film più simili, però avevo aspettative molto alte sul film che non sono state tutte ripagate. Il 7 come voto però mi sembra giusto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.