Passa ai contenuti principali

Lo Chiamavano Jeeg Robot

                                                             Riguarda & Recensisci

Per Riguarda & Recensisci, oggi abbiamo un film italiano, particolarissimo.
Uno dei migliori usciti l'anno scorso a dire il vero.
In Scena abbiamo Claudio Santamaria, nel ruolo di Enzo Ceccotti, ovvero Jeeg Robot un ragazzo comune che a inizio film lo vediamo scappare da qualcuno, ad un certo punto la sua strada si incrocia con una ragazza, lui, dopo che ha visto morire il padre di lei, lo prende in simpatia e tra i due sfocia qualcosa di più che una semplice amicizia.

Allo stesso tempo c'è un cattivo che è come un gangster che terrorizza la città.
E Nel frattempo il nostro protagonista scopre di avere una forza sovraumana che all'inizio si sorprende di questo, ma poi la usa per il bene e salvare gli innocenti.
Un grande eroe? Un eroe burino, diciamo burino, ma capace di bucare lo schermo.
E il cattivo?
Dovreste vederlo mentre canta un emozione da poco, che è la scena più gaya e divertente del film, lui riesce a  sorprendere i suoi compari e gli ospiti del club dove si esibisce; ma è un cattivo, e come tale ha in mente di fare un colpo.
Le strade del nostro eroe Jeeg Robot e di Fabio Cannizzaro, ovvero il cattivo sono destinate a incrociarsi, ben diverse volte nel film.
Mi ha colpito molto il rapporto che si instaura tra la ragazza ed Enzo, ovvero l'eroe del film, lui si potrebbe definire una persona normale, uno qualunque, che per puro caso scopre di avere dei poteri e per puro caso sceglie di aiutare il prossimo.
E anche se parla male, anche se sembra uno sfigato, anche se all'inizio cerca di allontanare quella strana ragazza che sembra affezionarsi a lui, innamorata del cartone Jeeg Robot  che vede sempre nel suo iPad, da cui lui prenderà il nome perchè glielo ha dato lei, tra loro si instaura un tenero rapporto affettivo, che sfocierà sin dall'inizio quando Fabio cerca di farle del male.
Insomma avete capito, mi è piaciuto un sacco, e questa era la seconda volta che lo vedevo.
Comunque sia fa piacere constatare quanto certi produttori hanno il naso fino e capiscono il valore di certi progetti cinematografici italiani.
Mi ricordo l'anno scorso quando lo vidi la prima volta, mi sorpresi del fatto che fosse un film molto coinvolgente.
Capace anche di essere originale anche quando si rischia di non esserlo, e  per l'italia è una boccata d'aria fresca, nonostante le stronzate che escono a volte, ma non sempre fortunatamente.
Ricordo che lessi un articolo che intervistava il regista di questo film, e diceva che l'idea di questo film non interessava a nessuno agli inizi.
Forse perchè il regista stesso ha cominciato con le fiction televisive?
Curioso, molto curioso.
Comunque è un film che si lascia vedere bene, molto bene, anzi, è una figata di film!! Dovete assolutamente vederlo, sono sicura che vi piacerà da matti.
Promosso in pieno.
Voto: 8 e 1/2

  


 

Commenti

  1. Uno dei più bei film italiani degli ultimi anni, capace di dare dei punti a buona parte delle produzioni Marvel o DC... perlomeno ha un cuore e un'anima! E poi c'è loZZingarooo *__*

    RispondiElimina
  2. Infatti mi è piaciuto tanto, anche se quel colpo di scena mi ha intristito un po', comunque esperimento riuscito benissimo ;)

    RispondiElimina
  3. Hehe, caro Pietro, questo è vero :)

    RispondiElimina
  4. Un bella perla del genere. Spero che Mainetti continui così!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.