Passa ai contenuti principali

Lion - La Lunga Strada Verso Casa

Uno dei film più commoventi dell'anno.
Tratto da una storia realmente accaduta e raccontata addirittura in un libro scritto da Saroo Brierley e Larry Buttrose, a interpretare Saroo e l'attore indiano Dev Patel, nel cast anche una intensa Nicole Kidman e Rooney Mara.

Questo film è tratto da una storia realmente accaduta, è la storia di un ragazzino indiano che scompare dopo che il fratello lo ha lasciato alla stazione, all'inizio lui prende il treno e finisce a Bombay, ma nessuno parla la sua lingua, viene accolto anche da persone poco raccomandabili, finchè le autorità non lo prendono con se e lo fanno adottare da una famiglia australiana.
Ma Saroo non ha mai dimenticato le sue origini, e ben presto comincia a cercare la sua famiglia, sarà un viaggio alla scoperta di se, che all'inizio non troverà daccordo la famiglia adottiva, ma piano piano anche loro si renderanno conto quanto è importante per il giovane ricongiungersi con la sua famiglia.
Il film è un lungo viaggio alla ricerca delle radici perdute, che hanno segnato la vita di Saroo, il regista è bravo anche a sottolineare la vita della famiglia adottiva, di quel fratello adottivo pieno di problemi che da in escandescenze ad ogni minima situazione, il fastidio provato dal protagonista quando deve vivere quelle situazioni, riuscirà a ritrovare la strada di casa?
E inoltre, riuscirà anche a tenersi stretta quella famiglia che in un modo o nell'altro lo ha cresciuto dandogli una casa?
Garth Davis, al suo esordio con questo lungometraggio, dopo aver diretto diversi episodi di Top of The Lake, riesce nell'intento di colpire positivamente lo spettatore, e come mi chiederete voi? Commovendolo.
La sua ovviamente non è una semplice commozione, ma qualcosa che dopo la visione ti resta dentro, e difficilmente va via.
Di solito la commozione passa e dura nell'arco di pochi istanti, questo film invece, riesce a imprimersi nella memoria dello spettatore, certo, non vi dovete aspettare chissà quale capolavoro, o chissà quale summa opera cinematografica, o che altro, è e resta ovviamente un ottimo film capace di coinvolgere lo spettatore nella storia.
E per un esordiente è già un punto a suo favore non trovate?
Non so se lo metterei tra i film della vita, ma tra i preferiti questo è poco ma sicuro.
Molto bravi gli interpreti, compresa anche Nicole Kidman, che recita con una intensità che non le vedevo da parecchio tempo.
Naturalmente la menzione speciale va a Dev Patel, in un ruolo maturo e drammatico allo stesso tempo, in cui riesce ad essere reale e vero anche quando si rischia di toccare il patetico.
Da vedere.
Voto: 7 e 1/2


 



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.