Passa ai contenuti principali

Gli Anni in Tasca

 
 Riguarda & Recensisci

Torna, con un giorno di ritardo ma non importa, il cinema di François Truffaut, dopo la parentesi dedicata a Orson Welles, per recensire due film che in precedenza avevo visto, dato che c'è la rassegna.
Dunque, oggi recensiamo un altro film i cui protagonisti sono quasi esclusivamente dei bambini, gli adulti vengono messi in secondo piano.
Nel film ci sono diverse storie, tutte sottolineate dall'abile mano del grande Truffaut, che stavolta affronta l'infanzia dentro la vita.
Un film palesemente molto solare, che segue i bambini protagonisti, dandoti l'impressione che voglia trasformare gli adulti che vedono il film, in bambini, e, cose più importante, voglia approcciarsi in maniera comprensiva verso il mondo dell'infanzia, che qui è decantato alla sua massima espressione.
E' un film che lascia basiti, per la descrizione di storie che accompagnano lo spettatore, particolarmente toccante quella del bambino che alla visita medica scolastica non si vuole spogliare e poi si scopre il perchè, per non parlare della scena che mi ha tenuta col fiato sospeso, quella in cui un bambino cade da un palazzo, e come niente fosse si alza ridendo divertito, tutto questo per inseguire un gattino. La madre quando si accorge di questo sviene e cade come un sacco di patate, poi c'è la scuola, gli insegnanti, - particolarmente bello è il discorso finale del maestro - i genitori.
La scena che reputo più cattiva è quella del padre che impone alla figlioletta di cambiare borsa perchè la sua è sporca, e la bambina dopo che ha rifiutato la chiude in casa e non la fa andare al ristorante, saranno i figli dei vicini a farla mangiare, dopo che lei ha preso il megafono per far si che qualcuno la facesse mangiare.
Il mondo dei bambini descritto da un autore che sa capire i bambini, e li accompagna nella loro storia, e soprattutto nelle loro vite.
Truffaut, sa descrivere l'infanzia con il cuore, quasi come se lui stesso fosse un bambino, anzi di più, fa uscire il bambino che è in lui.
Fate attenzione alla corsa iniziale dei bambini con la sigla del film che rimanda alla gioia e alla spensieratezza, non puoi non restare sbalordito da un incipt così solare e allegro.
Film che ho rivisto per la seconda volta per poterne parlare oggi alla fabbrica e che reputo degno per ogni collezione cinefila che si rispetti.
Voto: 8 e 1/2

   



Commenti

  1. Non ho visto wuesto film,ma altri di Truffaut, lui é un vero poeta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è vero, hai ragione, ti consiglio di recuperarlo ^^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.