Passa ai contenuti principali

Gli Anni in Tasca

 
 Riguarda & Recensisci

Torna, con un giorno di ritardo ma non importa, il cinema di François Truffaut, dopo la parentesi dedicata a Orson Welles, per recensire due film che in precedenza avevo visto, dato che c'è la rassegna.
Dunque, oggi recensiamo un altro film i cui protagonisti sono quasi esclusivamente dei bambini, gli adulti vengono messi in secondo piano.
Nel film ci sono diverse storie, tutte sottolineate dall'abile mano del grande Truffaut, che stavolta affronta l'infanzia dentro la vita.
Un film palesemente molto solare, che segue i bambini protagonisti, dandoti l'impressione che voglia trasformare gli adulti che vedono il film, in bambini, e, cose più importante, voglia approcciarsi in maniera comprensiva verso il mondo dell'infanzia, che qui è decantato alla sua massima espressione.
E' un film che lascia basiti, per la descrizione di storie che accompagnano lo spettatore, particolarmente toccante quella del bambino che alla visita medica scolastica non si vuole spogliare e poi si scopre il perchè, per non parlare della scena che mi ha tenuta col fiato sospeso, quella in cui un bambino cade da un palazzo, e come niente fosse si alza ridendo divertito, tutto questo per inseguire un gattino. La madre quando si accorge di questo sviene e cade come un sacco di patate, poi c'è la scuola, gli insegnanti, - particolarmente bello è il discorso finale del maestro - i genitori.
La scena che reputo più cattiva è quella del padre che impone alla figlioletta di cambiare borsa perchè la sua è sporca, e la bambina dopo che ha rifiutato la chiude in casa e non la fa andare al ristorante, saranno i figli dei vicini a farla mangiare, dopo che lei ha preso il megafono per far si che qualcuno la facesse mangiare.
Il mondo dei bambini descritto da un autore che sa capire i bambini, e li accompagna nella loro storia, e soprattutto nelle loro vite.
Truffaut, sa descrivere l'infanzia con il cuore, quasi come se lui stesso fosse un bambino, anzi di più, fa uscire il bambino che è in lui.
Fate attenzione alla corsa iniziale dei bambini con la sigla del film che rimanda alla gioia e alla spensieratezza, non puoi non restare sbalordito da un incipt così solare e allegro.
Film che ho rivisto per la seconda volta per poterne parlare oggi alla fabbrica e che reputo degno per ogni collezione cinefila che si rispetti.
Voto: 8 e 1/2

   



Commenti

  1. Non ho visto wuesto film,ma altri di Truffaut, lui é un vero poeta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è vero, hai ragione, ti consiglio di recuperarlo ^^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.