Passa ai contenuti principali

Anna dei Miracoli

Ci sono certi film che quando li vedi ti entrano dentro, lasciandoti cose che difficilmente scorderai, film come questo bellissimo Anna dei Miracoli, diretto nel 1962 da Arthur Penn, e interpretato da una bravissima Anne Bancroft e Patty Duke.

Film che caldamente vi invito a vedere, perchè sono sicura che diventerà senza dubbio uno dei vostri preferiti, oltre questo è una visione imprescindibile per quanto riguarda, sia la storia particolarmente toccante, che le tematiche e i messaggi racchiusi in essa.
In poche parole diventerà uno dei vostri film della vita, di questo ne sono più che sicura, a me è successo proprio questo.
Il film, racconta la storia di una bambina, Helen, nata cieca, muta e sorda, e dei genitori che praticamente non la educano come una bambina normale, forse per compassione, forse per il fatto che essendo cieca, muta e sorda provano pena per lei.
A pensarci bene ci sarà un altra donna, mezza cieca Anne Sullivan a rieducare la bambina nel modo giusto, anche a costo di venire picchiata, anche a costo di ottenere in cambio schiaffi e tirate di capelli, non importa, perchè Anne, con la sua forza interiore, sarà la sola persona a capire la bambina fino in fondo, e forse magari a compiere quello che i genitori non sono riusciti a fare.

E' un film che ti tocca dentro il cuore, e badate che non sto scherzando, la recitazione di Anne Bancroft lascia a bocca aperta come anche la storia del film, che è capace di colpire lo spettatore con scene molto forti e allo stesso tempo molto toccanti.
Ci si emoziona parecchio davanti a questo film, per altro tratto da una storia realmente accaduta, quindi per questo più drammatico.
La storia in se è da pelle d'oca, Anne stessa, è l'unica che vuole che Helen sia trattata come una bambina normale, e fa di tutto affinchè questo accada.
Anche alzare la voce.
Patty Duke anhe lei è straordinaria nel ruolo di Helen, la sua recitazione è naturale ed intensa, giustamente premiata con l'oscar insieme a Anne Bancroft.
I loro scontri sono allo stesso tempo drammatici e delicati, che non scendono mai nel patetico, anzi, guardano aldilà di ciò che normalmente una persona sana non riesce a percepire perchè non ha le stesse patologie della protagonista.
Arthur Penn, ragazzi che scoperta, ha diretto con piglio un opera di sconvolgente intensità, difficile dimenticare un film del genere, come è difficile non immedesimarsi con una storia che ancora oggi risulta attuale, nonostante siano passati ben 55 anni dalla sua uscita.
Come direbbe l'amico Ford, questo film è una vera bomba, un pugno nello stomaco tirato con tutta la forza che esiste in corpo, una forza di ferro dentro una donna all'apparenza fragile, ma forte più dell'acciaio.
Un film che certamente ti rimane dentro e non lo dimentichi più.
Arthur Penn è stato molto realistico, così realistico da tenere lo spettatore praticamente incollato alla poltrona, e capire sia le diversità, e soprattutto la compassione umana e quali limiti esistono nell'oltrepassare certi confini.
La tematica del film è...è giusto trattare una bambina facendole passare tutti i capricci solo perchè è cieca, muta e sorda? Non è meglio trattarla come tutti gli altri bambini?
ed Anne, conscia della sua infanzia terribile passata in un orfanotrofio perchè cieca, capirà che la bambina ha bisogno di superare  i suoi Handicap, per vivere la vita in modo normale.
Il miracolo del titolo si compirà?
Io vi invito a guardare il film, stasera non spoilero, perchè oltre ad essere un grandissimo capolavoro cinematografico, merita un posto nel cuore di ogni cinefilo e senza dubbio nella sua collezione.
Capolavoro.
Voto: 10





Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.