Passa ai contenuti principali

Il Buio Nella Mente

                                                        Riguarda & Recensisci

OOh stasera abbiamo un altro film di Claude Chabrol, uno dei suoi migliori sottolineo.
Protagoniste sono la grande Isabelle Huppert, attrice feticcio di Chabrol, e Sandrine Bonnaire.
Come comprimari ci sono Jean Pierre Cassell, e Jaqueline Bisset.

Chabrol costruisce un film dall'impatto drammatico costruito come un thriller d'autore, in cui c'è un crescendo di tensione che porta alla soluzione del finale, che vedrà le nostre due protagoniste commetere qualcosa di terribile.
Non vi anticipo nulla come sempre pe non rovinarvi la visione, dico solo che la famiglia benestante protagonista viene presa di mira da una impiegata delle poste, e che usa la domestica avvicinandola e facendo amicizia con lei, il resto è tutto da guardare.
Chabrol, inoltre cerca grazie ad una ottima sceneggiatura di fare distinzione tra due mondi che sono incrociati, ovvero quello dorato della borghesia, e quello misero del proletariato.
Descrive una umanità che vorrebbe ciò che la borghesia possiede e che naturalmente non può ottenere se non nella loro immaginazione, e sottolinea la rabbia e l'invidia delle due protagoniste - la Huppert e la Bonnaire giustamente premiate a Venezia con la coppa volpi - verso quella famiglia e il crescendo che si crea di frustazione che viene trasmesso da Jeanne a Sophie che porterà al terribile e rabbioso finale.
Stranamente non ho trovato critiche verso i due mondi che vengono descritti, ma soltanto un crescendo di rabbia, apparentemente senza motivo, gettata lì soltanto per invidia, le due protagoniste ovviamente non sono due stinche di sante.
Jeanne, ovvero la Huppert, è una donna che in passato è stata sospettata dell'omicidio della figlia, è più spigliata rispetto a Sophie, e cerca di manipolarla grazia ad una acuta intelligenza.
Sophie, la Bonnaire è più introversa, anche lei ha un passato disturbante alle spalle e un segreto che fa di tutto non venga scoperto, apparentemente è senza emozioni, e tutte queste cose esploderanno nel finale catartico e spregiudicato, quando ormai Jeanne l'ha manipolata a dovere.
Un opera cinematografica molto simile al cinema di Haneke, che non risparmia nessuno, e viene personalizzata in maniera disturbante incrociando due diversi mondi, che nella realtà sono distinti e separati e nel film sono la causa che porterà a compiere un atroce gesto da parte delle due donne, che non risparmieranno nessuno.
Ma c'è qualcosa che Chabrol ha fatto meglio di tutti, riuscire a fare esplodere la rabbia con il contagocce, di questo il grande regista francese, che spero di recensire altre opere in futuro, è un maestro, e lo spettatore durante la visione non può non rimanere scioccato dal finale, che per alcuni potrebbe sembrare catartico, a me, la prima volta che l'ho visto mi ha fatta saltare letteralmente in aria lasciandomi con gli occhi spalancati.
In conclusione, un ottimo film da vedere questo senza ombra di dubbio.
Voto: 7 e 1/2

 
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.