Passa ai contenuti principali

Il Buio Nella Mente

                                                        Riguarda & Recensisci

OOh stasera abbiamo un altro film di Claude Chabrol, uno dei suoi migliori sottolineo.
Protagoniste sono la grande Isabelle Huppert, attrice feticcio di Chabrol, e Sandrine Bonnaire.
Come comprimari ci sono Jean Pierre Cassell, e Jaqueline Bisset.

Chabrol costruisce un film dall'impatto drammatico costruito come un thriller d'autore, in cui c'è un crescendo di tensione che porta alla soluzione del finale, che vedrà le nostre due protagoniste commetere qualcosa di terribile.
Non vi anticipo nulla come sempre pe non rovinarvi la visione, dico solo che la famiglia benestante protagonista viene presa di mira da una impiegata delle poste, e che usa la domestica avvicinandola e facendo amicizia con lei, il resto è tutto da guardare.
Chabrol, inoltre cerca grazie ad una ottima sceneggiatura di fare distinzione tra due mondi che sono incrociati, ovvero quello dorato della borghesia, e quello misero del proletariato.
Descrive una umanità che vorrebbe ciò che la borghesia possiede e che naturalmente non può ottenere se non nella loro immaginazione, e sottolinea la rabbia e l'invidia delle due protagoniste - la Huppert e la Bonnaire giustamente premiate a Venezia con la coppa volpi - verso quella famiglia e il crescendo che si crea di frustazione che viene trasmesso da Jeanne a Sophie che porterà al terribile e rabbioso finale.
Stranamente non ho trovato critiche verso i due mondi che vengono descritti, ma soltanto un crescendo di rabbia, apparentemente senza motivo, gettata lì soltanto per invidia, le due protagoniste ovviamente non sono due stinche di sante.
Jeanne, ovvero la Huppert, è una donna che in passato è stata sospettata dell'omicidio della figlia, è più spigliata rispetto a Sophie, e cerca di manipolarla grazia ad una acuta intelligenza.
Sophie, la Bonnaire è più introversa, anche lei ha un passato disturbante alle spalle e un segreto che fa di tutto non venga scoperto, apparentemente è senza emozioni, e tutte queste cose esploderanno nel finale catartico e spregiudicato, quando ormai Jeanne l'ha manipolata a dovere.
Un opera cinematografica molto simile al cinema di Haneke, che non risparmia nessuno, e viene personalizzata in maniera disturbante incrociando due diversi mondi, che nella realtà sono distinti e separati e nel film sono la causa che porterà a compiere un atroce gesto da parte delle due donne, che non risparmieranno nessuno.
Ma c'è qualcosa che Chabrol ha fatto meglio di tutti, riuscire a fare esplodere la rabbia con il contagocce, di questo il grande regista francese, che spero di recensire altre opere in futuro, è un maestro, e lo spettatore durante la visione non può non rimanere scioccato dal finale, che per alcuni potrebbe sembrare catartico, a me, la prima volta che l'ho visto mi ha fatta saltare letteralmente in aria lasciandomi con gli occhi spalancati.
In conclusione, un ottimo film da vedere questo senza ombra di dubbio.
Voto: 7 e 1/2

 
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.