Passa ai contenuti principali

Bellissima

                                                           Riguarda & Recensisci

 Anche stasera c'è Riguarda & Recensisci, che come sapete è la rubrica che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, stasera fa uscire dal suo cappello un capolavoro del grande Luchino Visconti, con una altrettanto grande Anna Magnani e Walter Chiari.
E' un film immenso, dal sapore umano che racconta la rincorsa verso un sogno impossibile, per poter avere una vita migliore.
Quella corsa la compie Maddalena, che desidera per sua figlia, la piccola Maria, una vita migliore della sua.
Maddalena per raggiungere il suo scopo è capace di fare qualsiasi cosa, anche di dare cinquantamila lire, a un approfittatore che le dice di comprare un regalo per il produttore e sua moglie, per "ingraziarseli" facendo ottenere la parte alla bambina, lei glieli da, e come risultato lui si compra una lambretta, infischiandosene di tutti i sacrifici fatti da Maddalena, sia per raccogliere tutti quei soldi, che per l'illusione della stessa verso qualcosa che non raggiungerà mai

E' uno sguardo amaro e disilluso quello di Visconti verso il mondo del cinema, che promette sogni in cambio di illusioni, attraverso una vita migliore, raffigurata nella figura di Maddalena, popolana che fa una vita di stenti, facendo iniezioni ai vicini per arrotondare il magro stipendio di operaio del marito, appena alla radio sente che il regista Alessandro Blasetti cerca una bambina per il suo film, non esita un attimo e fa di tutto affinchè la bimba faccia il provino per il film.

Visconti è bravissimo a sottolineare la psicologia di una donna capace di fare la qualsiasi pur di uscire da una vita di stenti, e di dare alla figlia una vita migliore, ci crede, ma si illude, non vuole vedere la realtà illusoria di un mondo che crede  possa regalare oro a chiunque, senza ovviamente fare sacrifici, nessuno ti da certo una parte o un ruolo in un film.
Maddalena i sacrifici li fa per sua figlia, una bambina che suo malgrado si trova coinvolta dentro il sogno di sua madre, forse non si trova neanche a suo agio, e forse neanche la vuole fare la parte nel film, ma è pur sempre un sogno e va rincorso a qualsiasi costo, ma c'è un limite al quale Maddalena non transinge, ovvero quello della perdita della dignità, può andare incontro a tutto, ma non alla perdita della dignità, sia sua, sia quella della sua bambina.
Un ritratto amaro che Visconti narra con la sua consueta sincerità facendo una amara critica verso il mondo del cinema che approfitta dell'innocenza dei bambini per poterli usare e poi buttare via.
C'è una scena amara nel film, quella dell'operatrice del montaggio che in passato ha fatto film, ma che poi è stata buttata nel dimenticatoio, che preannuncia ciò che poi succederà alla fine.
Non vi anticipo assolutamente nulla se ancora il film non l'avete visto per non rovinarvi la sorpresa, fattostà che questo è uno dei cento film da salvare della storia del cinema italiano, e va sicuramente visto e soprattutto recuperato, quanto meno anche conosciuto, perchè è di fondamentale importanza dato che Visconti è uno dei più importanti registi italiani della storia del cinema.
Alessandro Blasetti fa la parte del regista, e come tale, ha diretto diversi film, che spero di vedere con il tempo, e magari anche di recensire qui alla fabbrica.
Intanto consiglio la visione di questo capolavoro, è un film bellissimo io l'ho voluto ri-vedere per poterlo recensire questa sera, e farvelo conoscere se ancora non l'avete visto, se invece l'avete visto potete star tranquilli perchè è un opera cinematografica molto importante che sottolinea già sia le illusioni, che la scelta di prendere le cosidette "scorciatoie" delle raccomandazioni che già allora erano presenti in Italia.
In poche parole, un ritratto amaro dell'italia narrato da un grandissimo regista che ha fatto la storia del cinema.
La narrazione che usa Visconti, non vuole essere bonaria, ma anzi, è l'esatto opposto, è spietata, e non lascia scampo a nessuno dei protagonisti, come ad esempio la scena del provino di Maria, che non vi anticipo per non spoilerare, l'unico personaggio che cerca di fare ragionare Maddalena per riportarla alla realtà è il marito Spartaco, che già lui ha visto più in la del suo naso rispetto alla moglie, che sembra acciecata dalla sua illusione.
Il finale è tutto un programma, ma come sempre vi invito a visionare il film e non spoilero nulla per non rovinarvi la visione, sono sicura che amerete questo caposaldo del cinema italiano, così come ho imparato ad amarlo io.
In conclusione, questo film è davvero un film da salvare, da vedere e rivedere per mostrare il ritratto spietato di una italia che insegue le illusioni, di inseguire una vita migliore, senza però fare i conti con la realtà cinica e crudele di un mondo spietato come quello del cinema che Visconti narra senza falsi buonismi.
Magistrale.
Voto: 10







Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.