Passa ai contenuti principali

Mario Bava Day - Shock


Non potevo mancare alla celebrazione di uno dei miei autori preferiti, il grande Mario Bava, e così si ritorna ai celebration day organizzati dagli altri amici bloggers, per l'occasione ho scelto di recensire shock.
Che filmone...lo devo dire, un horror psicologico di quelli come piacciono a me.
Innanzitutto devo dire che all'inizio credevo fosse una versione migliore del remake diretto da Lamberto Bava, tra l'altro ha codiretto questo film non accreditato, secondo, questo film è assolutamente diverso dal remake, tutto è  costruito in maniera in cui lo spettatore non si aspetta quello che mi aspettavo io.
Sinceramente ho visto prima il remake, poi il film originale, anche se ritengo il secondo migliore del primo per costruzione di suspence e la tensione che non ti lascia mai.

Mario Bava costruisce non un giallo, ma un horror psicologico vero e proprio capace di tenerti incollato sulla poltrona, il tutto costruito in maniera tale da non avere le sorprese che ti aspetti.
Anche il bambino che interpreta il figlio è bravo, e fa davvero paura, ovviamente è lo spirito del padre che in un certo senso lo possiede.
C'è una verità nascosta dentro quelle mura di casa, che Dora vuole vendere al più presto, e Bruno invece decide di viverci, ma strani incidenti accadono, anche tramite Marco, il figlio di Dora.
Quello che apparentemente è inspiegabile, è che il bambino sembra subire una forte influenza con il luogo, e sembra che riesca a captare una strana presenza accanto a lui.
Quello che scoprirà, sarà una verità sconvolgente e inaccettabile per qualsiasi essere umano, un delitto è stato consumato, e rimosso da chi lo ha commesso.
Quando il castello di sabbia crollerà, sarà un vero shock, come dice il titolo del film, e lo spirito del marito attuerà la sua crudele vendetta, usando il figlio.
Un film agghiacciante, da pelle d'oca, in cui tutto non è in realtà come appare, e le cose sono molto diverse, tutti portano una maschera, e quando questa maschera cade succede l'impensabile e comincia il vero e proprio incubo che ti inghiottirà all'inferno, in senso metaforico ovviamente.
Un piccolo cult, non un capolavoro ma capace di farti stare in tensione per tutta la sua durata, questi sono i vecchi film, entrati ormai nella storia.
Anche La Fabbrica dei Sogni celebra il maestro Mario Bava con uno dei suoi cult assoluti.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

  1. da bambino-adolescente credo di averlo visto quella decina di volte :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io l'ho recuperato grazie a internet :)

      Elimina
  2. Mi manca anche questo... su Bava sono proprio carente, sono più ferrata sul figlio Lamberto!
    Ma questo lo recupero, mi ispira un sacco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lamberto? Bollicina è Mario il top dei top, recupera! E subito anzi!!! xD
      hahaha, daje che Bava ha fatto dei filmoni ;)

      Elimina
  3. L'ultimo grande film di Bava, e senza dubbio uno dei suoi migliori. Gli ultimi 15 minuti sono da autentici brividi, un sobbalzo senza fine.. Al momento però mi sfugge il remake anzi, non ne ero nemmeno a conoscenza, ma quando è stato diretto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mah è stato diretto dal figlio Lamberto e i protagonisti sono John Hannah e Laura Elena Harring, ma qualitativamente è questo il migliore :)

      Elimina
    2. Concordo con ViS, ma non con te perchè non ho ancora avuto un aneurisma cerebrale :)

      Elimina
    3. non capisco tutta questa cattiveria, in un blog dove si deve condividere e si parla di cinema, se tu questo cinema non lo condividi perchè ti ostini a continuare a venire? Che ti ho fatto di male si può sapere? Non si può parlare serenamente di cinema senza spargimenti di sangue? Sei una persona molto arrabbiata che ha bisogno di stare serena

      Elimina
    4. Ma infatti io sono venuto perché per una volta qua si parla di cinema, e il fatto che l'abbia fatto ViS in un commento e non tu in un post dovrebbe darti un'idea di quanto cinematograficamente interessante o anche solo cinematografico sia questo blog.

      Elimina
    5. beh visto che non lo ritieni interessante il mio blog, ma solo quello che dice ViS, ti ripeto lasciami in pace ok? Non lo ritieni cinematograficamente interessante? Vai in posti più consoni a te ok? Il cinema non è solo quello che piace a te, il cinema è tutto ok?

      Elimina
    6. ViS non ha mai scritto su Bava, e siccome questa è la prima volta che conosco un suo parere a riguardo ho pensato (bene) di rispondergli nel luogo più consono, e cioè in quello in cui si è espresso. Inoltre, a me non piace tutto il cinema, ma so distinguere il cinema dalla letteratura. Ma, sai com'è, io ho letto Deleuze, Epstein, Bazin e insomma chi ha saputo ritrovare la specificità di quest'arte.

      Elimina
    7. Bazin lo conosco, perchè avvicinandomi alla nouvelle vague ho visto tutto il cinema di truffaut, e mi accingo a vedere Godard tanto per intenderci ;) sei una persona molto intelligente e sono sicura che da te c'è molto da imparare comunque sia ammetto la mia ignoranza sugli altri due, mi piacerebbe però conoscere qualcosa :)

      Elimina
    8. Pure mia madre conosce Bazin, ma conoscerlo per nome non conta granché, se non leggi i suoi testi. Per esempio, se avessi letto il testo di Bazin sulla corrida ti accorgeresti subito di come Bava infranga palesemente l'etica baziniana della morte e della piccola morte.

      Elimina
    9. Interessante, dammi il titolo :D

      Elimina
  4. Io su Bava proprio poco poco poco purtroppo. Buon Bava Day!

    RispondiElimina
  5. Grande recupero, e grande Bava!
    Stasera tocca anche a me celebrarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forza jimmy che ti vengo a leggere :)

      Elimina
  6. Non sarà ai livelli della Barba Steele de "La maschera del demonio", ma la Nicolodi la sua buona parte di merito in Shock l'ha avuta davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si decisamente, sono daccordo con te :)

      Elimina
  7. Finalmente riesco a commentare un bava day! Io lo devo recuperare, è un geniaccio! Buon Bava Day!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.