Passa ai contenuti principali

Lord of War

Ooookay.
Sapete già come la penso su Nicolas Cage, attore piuttosto controverso, capace di grandissime interpretazioni, come di clamorosi tonfi, da vergognarsi.
Nicolas Cage non sa scegliere i film da interpretare, o non ha un agente capace di tenergli testa e imporgli film degni di lui.
Per un attore col suo talento è triste vederlo in filmetti fatti solo per guadagnare, ci vuole di più molto di più, è il caso di Lord of War?
Decisamente no, mi stupisce che Andrew Niccol, regista dello strepitoso Gattaca, abbia scelto di dirigere questo film anonimo, è come se non sapesse che pesci pigliare, ed è un peccato; nel precedente film invece, -e parlo di Gattaca - è stato capace di sconvolgermi parlando di una storia che mi ha letteralmente incollata sulla poltrona, ed era una storia che parlava di intolleranza, di esseri umani perfetti e imperfetti, grazie alla genetica agghiacciante.
Lord of War invece si presenta con una storia dalla tematica convenzionale, la classica storia del mercante d'armi, antieroe, che vende le armi solo per arricchirsi...nulla di complicato.
Ed è proprio qui che fallisce il suo intento; se in Gattaca visto il tema il film era molto più complesso e difficile, in questo film - che anche un asino dietro alla macchina da presa come Michael Bay riuscirebbe a fare per esempio - non riesce a trovare una sua precisa fisionomia.
In pratica è come se avesse in mano un plot narrativo e non sa come imbastirlo, per dirla con parole semplici, non sa gestire la storia.
Peccato.
Perchè il film aveva infinite potenzialità, che venivano disilluse da un autore incapace di destreggiarsi con l'argomento del film.
Il film non gli appartiene, non lo sente suo, è poco ispirato e si nota scena dopo scena, ma allora perchè decidere di dirigerlo? Soldi?
Bah...
Quello che so è che non mi ha coinvolta per niente questo film, l'ho visto e dimenticato subito dopo aver messo stop nel lettore.
Anche Nicolas Cage, che nonostante tutto qui si dimostra migliore di certe pellicole fatte per soldi, non può tenere sulle spalle un intera pellicola.
Alla fine cosa rimane? Una crime story anonima che non rispecchia il suo autore, al massimo sembra costruita sulla fiducia cieca di Nicolas Cage, tanto per far soldi.
No, il cinema merita molto più che queste pellicole raccattasoldi.
Bocciato.
Voto: 4


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.