Passa ai contenuti principali

Donne in Amore - Women in Love

Riguarda & Recensisci

Esordio di Ken Russell alla fabbrica dei sogni, e sesto appuntamento con Riguarda & Recensisci, che raccoglie alcuni dei film che ho visto e non ho recensito alla fabbrica dei sogni, quest'oggi parliamo del primo film che ho visto diretto dal regista inglese: Donne in Amore, tratto dal romanzo di David H Lawrence, che racconta di due coppie che hanno una relazione, e di due amici che vorrebbero stare insieme, ma per non so che cosa, non si mettono insieme, le loro donne sono tipiche ragazze inglesi, la prima è una scultrice, che ha un rapporto passionale con un industriale, la seconda, una timida maestrina, si innamora di un ispettore scolastico, ma è negli uomini che nasce un sentimento ambiguo.

E' un film che trasuda erotismo da ogni scena, sgorga come un fiume e ci travolge tutti dentro la storia, per me, essendo il primo film di Ken Russell che ho visto, rappresenta e ha rappresentato molto, soprattutto perchè mi resi conto che la storia mi ha catturata, tanto da inserirlo tra i miei film preferiti di sempre.
Poi ho visto soltanto Il Cervello da un miliardo di dollari, per ora, ben presto recupererò gli altri titoli, lo sto già facendo ovviamente, Il Cervello, sarà recuperato in questa piccola rubrica, che se avrà successo continuerà anche oltre l'estate, vediamo.
Intanto devo dire che la prima volta ho assistito a una pellicola originale, fresca, un po' provocatoria, infatti l scena della lotta tra Alan Bates e Oliver Reed è molto gay, e ha fatto scalpore all'epoca quando il film uscì al cinema.
Ken Russell rilegge il romanzo di Lawrence e lo traduce sullo schermo, il romanzo è particolare, ma il regista è capace di realizzarlo alla sua maniera, secondo il suo punto di vista, un impresa non facile per quei tempi, ne esce fuori però un grande, grandissimo film.
Ma è l'amore il perno del film, a differenza del sesso che è giocoso, libero e spensierato, l'amore pone dei dubbi, dei problemi, ci mette davanti alle nostre paure, alle nostre angosce più profonde, la persona con cui stiamo ci ama, o sta con noi soltanto per divertimento?
L'amore è sempre un utopia, fa paura perchè ci rende vulnerabili, a differenza del sesso che viene fatto anche con superficialità, i sentimenti sono pericolosi perchè ci pongono di fronte alle nostre paure più profonde, e il film è centrato su questo tema.
Cosa rende geniale questo film? Il coraggio del suo autore a non aver paura di esprimere se stesso, primo perchè Ken Russell, non si pone certo nessun problema a parlare di ogni tipo di amore, che sia etero o gay, poi perchè - e la stessa cosa l'ha fatta Truffaut con Jules e Jim, ma è tutta un altra storia - esalta il timore di non essere mai amati abbastanza dalla persona che abbiamo scelto per la vita, che porterà a un finale tragico, che non vi anticipo per non rovinarvi la sorpresa.
Per iniziare con Ken Russell credo sia il film giusto, e sentirete parlare molto di questo autore qui alla fabbrica in futuro.
In conclusione, caldamente consigliato, per me è un capolavoro.
Voto 8 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.