Passa ai contenuti principali

Grazie per la Cioccolata

Riguarda & Recensisci

Riguarda & Recensisci decima puntata, oooh ecco che ritorna Claude Chabrol con un film che definire drammatico è un eufemismo, in realtà la trama deraglia verso un piccolo giallo psicologico, con al centro una famiglia, lui Andrè Polonski è un pianista di successo, e si sta per risposare con Marie Claire detta Mika, dopo un primo tentativo fallito di matrimonio, tutto sembra sottolineare una vita normale che ricomincia, tutto tranne una giovane Jeanne che si insinua nella famiglia, dicendo di essere figlia di Andrè.
Tutto farebbe intuire la verità, dato che anche la ragazza è una pianista che studia al conservatorio, ma sin da subito Mika ostacola Jeanne per tutto quanto.

La donna che è molto gelosa della disponibilità del marito che attraverso la musica lo vede allontanarsi da lei, fa di tutto per prendere qualche scusa, prima fa cadere la cioccolata, poi fa cadere l'acqua bollente al suo figliastsro...fino a che la ragazza non intuisce un passato oscuro nascosto nel segreto di questa famiglia.
Lisbeth la seconda moglie di Andrè, è morta in circostanze misteriose durante un incidente d'auto, dopo l'autopsia hanno trovato nel suo corpo dei sonniferi, e la donna non ne faceva uso...come li ha potuti ingerire?  Lisbeth lascia un bambino di dieci anni, Guilleme, che ora vive con Andrè e Mika, dato che è ritornato con la prima moglie, ma la donna, sempre impeccabile nei suoi completi lustrati, nelle sue collane e nei capelli di cui non c'è un pelo fuori posto, in apparenza è gentile ma dentro di se nutre un profondo rancore contro chi si mette nella sua strada.
E' una donna che ha costruito la sua immagine riflessa, e vive indossando una maschera che non le appartiene, quella dell'ipocrisia.
Conscia del fatto che deve risolvere in un modo o nell'altro quella "spiacevole" situazione, dapprima cerca di mettere i bastoni tra le ruote alla ragazza, poi capisce che lei è molto più intelligente di quanto crede, e le cose che sembravano andare come avrebbe voluto, alla fine, cedono il passo all'imprevedibilità degli eventi, mettendola nella triste situazione in cui deve convivere con il male che ha fatto, nonostante il marito ormai ha capito come sono realmente andati i fatti dalla morte di Lisbeth.
Jeanne però sospetta che nella cioccolata ci sia una sostanza, e la fa analizzare dal fidanzato...scoprendo che c'era della benzodiazepina, un sonnifero.
Claude Chabrol questa volta dirige un film lacerante, in cui nulla è realmente come appare, tutti i personaggi appaiono come sono realmente, coi loro pregi e difetti, Mika invece indossa la maschera della brava persona, ma dentro è marcia, più marcia e corrotta di tutti loro.
Una donna che ha sempre vissuto con il rancore dentro, quello di essere stata lasciata dal marito per un altra donna, quella di crescere il figlio nato da questa relazione, e non da ultimo, anche questa situazione, ma questa volta le carte non giocheranno a suo favore...la vita è imprevedibile, e lei avendola sfidata un altra volta, ha buttato giù la sua maschera, rivelando al marito, al figliastro e al mondo intero cos'è realmente, non le resta che piangere mentre il marito suona una marcia funebre per lei.
Isabelle Huppert attrice feticcio di Chabrol è bravissima, non c'è niente da dire, solo per la sua presenza il film merita di essere visto.
Le fanno eco anche tutti gli altri attori del cast, che riescono ad essere realistici anche quando si rischia di non esserlo.
Il film è particolare, e si guarda con piacere, Chabrol riesce ad essere allo stesso tempo sottile, e sincero, un altro grande affresco critico sulla borghesia delle brave persone che nascondono sempre qualche scheletro sull'armadio, e che mostrano agli altri tutto il loro fascino discreto.
Voto: 8







Commenti

  1. Lo vidi parecchio tempo fa, ne conservo un bel ricordo. Invece a mia moglie piacque molto meno, poi forse c'era qualcosa che non ci tornava riguardo i due figli, ma non ricordo bene, è passato troppo tempo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh riguardatelo, si è un film particolare, sottile e psicologico :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.