Passa ai contenuti principali

I Buchi Neri

Una bella botta di vita...
Potrebbe essere questo il singolare quanto insolito commento a un film altrettanto singolare.
L'opera seconda di Pappi Corsicato, si presenta con una trama semplice ma allo stesso tempo complessa, potrebbe essere una clamorosa cavolata, come un piccolo capolavoro.
La botta di vita comunque c'è...
e in che consiste questa botta di vita?
Un film allegorico, surreale e grottesco allo stesso tempo, che presenta dei personaggi a metà strada tra gli imbecilli e i santi, nonostante quello che fanno nella vita.
In tutto questo c'è anche della magia, si perchè qui Corsicato - che ha lavorato con Almodòvar ricordatevelo mentre leggete la mia recensione - racconta una storia d'amore un po' sui generis, una prostituta che si innamora di un guardone segaiolo, che poi la lascia per mettersi con la sorella del suo amico, incinta e appena abbandonata dal fidanzato.

La prostituta è Angela - una bravissima Iaia Forte - che mentre svolge il suo mestiere, col pensiero fa l'amore con Adamo - Vincenzo Peluso - che la spia mentre svolge la sua professione, e per quel breve tempo possono immaginare di stare insieme, le cose però non andranno come sperato.
Per la sua opera seconda Pappi Corsicato mostra tutto il suo talento nel portare sullo schermo una storia originale e surreale, ricchissima di metafore, che non può non fare restare piacevolmente sorpresi.
Si perchè I Buchi Neri, è decisamente un opera sui generis, ma non è un film per tutti, anche se ha parecchie ispirazioni, si va da Pasolini ad Almodòvar, fino a raccontare storie allucinanti che meritano senza dubbio una considerazione.
Un piccolo grande film senza dubbio, capace di sorprendere con una storia all'apparenza semplice, che parla di disperati, a cui capitano cose bizzarre, un gruppo di prostitute dal futuro incerto che si vedono crollare tutte le loro aspettative, poi appare un uovo, ed è come se fossero state miracolate.
Il film, che non può essere spiegato a semplici parole, bisogna assolutamente vederlo, non c'è altro modo per poter esprimere quello che si sente durante la visione, e certamente non lo si può fare con una semplice recensione.
Quello che so è che senza dubbio è uno dei migliori film del regista napoletano, ancora privo del cinismo dei suoi ultimi film, e ben lontano dal sorprendente quanto complesso Chimera.
Un cult tutto da gustare, e per i fans di Almodòvar senza dubbio una curiosa parentesi, dato che il regista è senza dubbio l'erede italiano, almeno da come ne parlano i critici.
Voto: 7



Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.