Passa ai contenuti principali

The Invisible Woman

Avevo molte aspettative su questo film, considerando il suo regista, che è uno dei miei attori preferiti credevo di trovare un opera grandiosa e coinvolgente.
Ebbene, quando lo vidi mi accorsi di avere davanti il film il cui autore non sa districarsi nei meandri dell'amore, ed è un peccato perchè come attore ha saputo fare un sacco di film coinvolgenti che parlavano d'amore.
Per la precisione, Ralph Fiennes non sa parlare d'amore, nonostante ci metta tutta l'energia di questo modo, il suo sguardo risulta incapace anche di esprimere emozione, rendendo la pellicola senza il benchè minimo accenno di sentimento e per un film d'amore è qualcosa di allucinante in senso negativo.
Fiennes è incapace di dare una sua precisa impronta registica al film, e non bastano i grandi nomi per fare  un grande film, spesso è nella semplicità che si cela la grandezza di un opera, in questo film però si autocompiace in maniera del tutto esagerata, dimenticando una cosa fondamentale in un film d'amore: l'emozione, non quella esagerata da farti usare chili di cleenex, ma quella capace di entrarti dentro al cuore, ed è un peccato perchè il film ha delle potenzialità pazzesche, che in mano di un altro autore ben più coraggioso sarebbe stato un piccolo capolavoro.
In poche parole, in questo film Fiennes, sembra un pinguino troppo inamidato, troppo perfettino - sto parlando appunto della sua regia - e neanche come attore per questo film è in forma: infatti pecca un po' troppo di vanità,. come per dire guardatemi quanto sono bravo, dirigo e interpreto questo bel film...ma per fare un film secondo il mio parere ci vuole ben altro, ispirazione prima di tutto, poi libertà di sperimentare, che per un regista non deve mai mancare.
Il titolo del film è The Invisible Woman, e racconta la storia d'amore segreta tra Charles Dickens e Nelly Tennant, che resterà il suo segreto più grande fino alla sua morte, ma più che una donna invisibile, credo che - tanto per fare qualche battuta di spirito - sia proprio il regista l'invisibile hahaha...comunque, tornando seri, un film che si presenta come un esercizio di stile mal riuscito, più che un vero film, infatti rimane deludente, sarà problema mio, ma non mi ci trovo bene con un film che non lascia vedere lampi di passione soprattutto se parla d'amore.
Bocciato.
Voto: 4


Commenti

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.