Passa ai contenuti principali

David Cronenberg

Pagina dedicata a uno dei maestri del cinema horror e non solo, diciamo che è uno dei pilastri del cosidetto body horror, con Romero, la cui pagina spero di farla molto presto.

My Story With David Cronenberg
Mi  sono avvicinata al cinema di Cronenberg con un po' di timore, quando ancora usavo le videocassette e registravo dalla tv...metodo usatissimo utilizzato sin dagli anni novanta fino al 2005, l'anno dopo ho messo da parte le videocassette per un supporto più pratico come i dvd e internet.
Quel timore era dovuto dal fatto che non ero ancora l'horrorofila che sono adesso, anche se sinceramente parlando il cinema di Cronenberg si è esteso più in la che il semplice  horror.
Quando ho aperto il blog, mi convinsi ad approfondire l'argomento.
Tutto cominciò sette anni fa, e titolo dopo titolo, compresi che dovevo superare ogni mia paura e lasciarmi andare, e così è stato.
Ricordo la prima volta che vidi Videodrome, orrore puro, dato che decisi persino di cancellarlo, ora invece ce l'ho su un supporto migliore e l'ho anche rivisto e rivalutato e finalmente non ho più quella paura che mi prese la prima volta che l'ho visto.
Crash? Altro film, che allora ne parlarono come un film scandalosissimo, quasi pornografico, invece è tutt'altra cosa, ed è anche uno dei miei film preferiti.
Il suo miglior film? Difficile dirlo, diciamo che ogni suo film ha suscitato in me reazioni ed emozioni diverse, esattamente come il cinema di Lynch, anche se in maniera differente, tra i film che mi hanno colpito maggiormente cito Inseparabili, M Butterfly, La Mosca e La Promessa dell'assassino, come anche A History of Violence e Spider, che ci portano un altra visione del suo cinema, quella legata alla violenza umana e alla psicologia malata, attendo con ansia il suo prossimo film, anche se si dice che si è ritirato, io non ci credo e incrocio le dita, ora cerco un tributo al suo cinema e inserisco la filmografia.



Filmografia

Stereo (1969) durata 65 minuti
Crimes of The Future (1970) durata 71 minuti In Arrivo
Shivers - Il Demone Sotto La Pelle (1975) durata 88 minuti
Rabid - Sete di Sangue (1977) durata 90 minuti
Fast Company - Veloci di Mestiere (1979) durata 89 minuti
Brood - La Covata Malefica (1979) durata 90 minuti
Scanners  (1981) durata 102 minuti
Videodrome (1983) durata 87 minuti
La Zona Morta (1983)  durata 103 minuti
La Mosca (1986) durata 92 minuti
Inseparabili (1988) durata 115 minuti
Il Pasto Nudo (1991) durata 115 minuti
M Butterfly (1993) durata 101 minuti
Crash (1996) durata 100 minuti
EXistenZ (1999) durata 97 minuti
Spider (2002) durata 98 minuti
A History of Violence (2005) durata 96 minuti
La Promessa dell'assassino (2007) durata 100 minuti
A Dangerous Method (2011) durata 99 minuti
Cosmopolis (2012) durata 109 minuti
Maps to The Stars (2014) durata 111 minuti

Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…