Passa ai contenuti principali

La Carne

Un film che ultimamente ho apprezzato molto, qui Marco Ferreri si spinge all'eccesso, tutto è presentato in modo estremo ed esagerato, e non richiede allo stesso tempo particolari doti recitative, infatti sembra essere tutto costruito sul volto ma soprattutto sul corpo della meteora Francesca Dellera, attrice praticamente sparita dai circuiti cinematografici, che all'epoca era in auge come si direbbe oggi, lo stesso charme e fama ora ce l'avrebbe una come Manuela Arcuri tanto per fare un esempio...
Ma andiamo a noi, il film è tutt'altro che deludente, anzi, è profondo, grottesco, sottolineato da scene particolarmente bizzarre, che a molti potrebbero suonare comiche e fuori luogo, ma proprio qui sta la sua forza, perchè Ferreri costruisce un film volutamente bizzarro, gli stessi personaggi sono costruiti con una psicologia che prende per il culo il maschio italiano, e la femmina che si sacrifica all'altare del maschilismo che è la più forte della coppia; come ovviamente in tutte le cose.
La Carne è un film dissacrante, che sottolinea un po' tutte le tematiche del cinema del regista meneghino, una piccola summa diciamo, contornato da una sottile critica alla bigotteria della chiesa, e a una grossolana fame di sesso e cibo, potremo definirlo un ideale seguito al più profondo e riuscito La Grande Abbuffata, ma più che un seguito direi che porta all'estremo il discorso già cominciato con il film sopracitato, inserendoci una figura di italiano medio, Paolo, un po' petulante, divorziato con figli, che suona al piano bar canzoni improponibili e dimenticate, che vede una donna burrosa, ne è attratto, e a fine serata la rinchiude dentro una piccola casetta sul mare per scoparsela, e mangiare senza pensare a nulla, addirittura fa in modo per "migliorare" le sue prestazioni amorose di  avere con l'aiuto di Francesca un erezione meccanica, per avercelo funzionante, anche quando non riesce a farlo "alzare" nella maniera normale, allo stesso tempo Francesca che è reduce da un aborto, e ha avuto amanti "sessualmente molto dotati", è l'incarnazione della donna libera, ma che si sottomette con piacere, se un uomo le piace; è l'inizio di un rapporto che si basa sul possesso, oltre che sul sesso, lei che parla sempre di esperienze spirituali in India, con uomini bellissimi con cui ha scopato, lui pensa solo a scopare e a godere, oltre che a mangiare, sembra l'inizio di tutte le fantasie sessuali maschili che piano piano si realizzano, fino a che...
fino al giorno in cui Francesca decide di darci un taglio e mettere fine alla storia, ma qui scatta il rifiuto di Paolo di  lasciarla andare via e - non leggete se non avete visto il film SPOILER - la pugnala per metterla in frigo e mangiarla piano piano, per tenerla sempre con se - FINE SPOILER sapete benissimo che la mia politica evita di spoilerare, ma questa volta non potevo farne a meno, sperando che non abbiate letto.
Paolo e Francesca sono rispettivamente interpretati dal bravissimo Sergio Castellitto e Francesca Dellera che volutamente recitano sopra le righe, la Dellera pur non avendo grandi doti recitative è perfetta per questo ruolo, Castellitto riesce a incarnare alla perfezione questo italiano medio, ancora attaccato alla sua infanzia e all'educazione bigotta che ha ricevuto.
In poche parole, il film non è un capolavoro, però si lascia apprezzare per il suo coraggio di essere sopra le righe, e fare della satira sull'italiano medio, cresciuto all'ombra della chiesa e della bigotteria che ne concerne, e quella voglia di possesso quando Paolo conosce Francesca che si concentra tutto il film, un po' come descrivere in maniera atipica, l'eterno conflitto del rapporto tra uomo e donna, che sono molto diversi, ma che si attraggono  e si divorano sessualmente a vicenda, il grande mistero dell'attrazione raccontato da un maestro che merita di essere rivalutato.
Voto: 6 e 1/2







Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.