Passa ai contenuti principali

Underworld - Il Risveglio

Quarto e...ultimo capitolo della saga di Underworld, e stavolta c'è pure il 3D, per la seria pan per focaccia ecco a voi il capitolo finale, e si spera sia l'ultimissimo del franchise, ma di questo ho i miei dubbi, ma andiamo al dunque: Vero e proprio sequel del secondo capitolo, qui torna la vampira Selene, alle prese con una cura per il vampirismo, si risveglia e scopre di aver dato alla luce una bambina che scopre di vitale importanza per i vampiri, soprattutto perchè la piccola non conosce i suoi poteri di ibrido.

Anche in questo sequel si cambia regia, e qui ci sono addirittura ben 2 registi a dirigere tutto, ma cosa cambia effettivamente? Nulla.
Abbiamo un cinefumettone costruito che non aggiunge nulla di nuovo nè alla saga, nè alle mitologie di licantropi e vampiri, in poche parole, un assurda replica di ciò che è avvenuto negli episodi precedenti, - prequel a parte - e io dico a cosa serve tutto ciò se non a racimolare e sprecare denaro?
Aggiungi anche il 3D e abbiamo un filmetto impacchettato a dovere da dare in pasto al pubblico, ma signori miei, questo non è cinema, il cinema è tutta un altra cosa, tutta un altra questione, ben lontana dai giocattoloni roboanti che hollywood insiste a produrre come una catena di montaggio, e ti viene da dire "Ora basta però eh?"
I Blockbuster bisogna saperli fare, e gente come Spielberg, che ha saputo coglierne sia l'aspetto autoriale che le infinite potenzialità, ha scritto ciò che deve essere un vero blockbuster, a hollywood lo hanno copiato tutti, con risultati avvolte imbarazzanti, altri vincenti, ma sempre di copie si tratta, ciò che ha fatto lo zio steve, a cui si deve il massimo rispetto per carità, è costruire un film sia fruibile per tutti, ma allo stesso tempo che rimanga nella memoria, indimenticabile la scena di ET che vola sul cielo con le biciclette non è vero? Beh questo non succede più al cinema di oggi, che  non può essere definito cinema, ma business, che è un altra cosa.
Cos'altro dire di questo franchise?
Ho il vuoto totale, non mi viene in mente nessuna parola, per me è una saga dimenticabile, che scandisce l'ombra di ciò che deve essere un film capace di entrare nella memoria, anche se si tratta di un blockbuster.
Voto: 3


Commenti

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…