Passa ai contenuti principali

47 Ronin

Ecco un bel film appetitoso...
Nonostante non sia un grande film direi che si lascia vedere bene.
Avevo molte aspettative su questo film e nonostante non sia un capolavoro - e come film d'evasione direi che è fatto più che bene - si fa apprezzare grazie a una completa immedesimazione tra gli spettatori e i protagonisti.
La storia prende spunto da un antica leggenda giapponese, una leggenda di magia, di omicidio, di tradimenti, di avventura, che si consumano dietro la figura di un padrone, che rimane vittima di un sortilegio malefico da parte di alcuni demoni che vogliono prendere il potere.
L'imprevisto è rappresentato dall'antico servo, che non cede di fronte al divieto di vendetta del regnante, e attraverso un giovane forma i 47 ronin per programmare la sua rivalsa.

Allora se questo film bene o male si fa vedere bene, cosa c'è che non funziona? Innanzitutto il problema non è la trama, ma forse, la troppa cura di certi particolari estetici quali l'uso del 3D, toglie naturalezza a un film che avrebbe potuto essere grande, anche senza questi artifizi.
Il regista dal canto suo cerca di fare un film capace di accontentare tutti, ma toglie moltissime potenzialità, soprattutto grazie a una regia sofisticata e spettacolarizzata, che annulla, almeno in parte qualsiasi emozione in positivo.
Da un altra parte lo script è ben scritto, e la recitazione degli attori non è certo da buttare via.
D'altro canto è un film che nonostante sappia intrattenere, è un opera imperfetta, che ha un sacco di potenzialità, ma allo stesso tempo non è certo da buttare via, in parole povere, una seconda visione gliela do sicuramente in futuro.
Senza infamia e senza lode, in giro c'è decisamente di peggio.
Ma sfortunatamente anche di meglio.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

  1. Se fosse stato meno "americano" e più giapponeseggiante (nel vero senso della tradizione giapponese) mi sarebbe piaciuto di più, ma come film d'azione/fantasy si fa guardare volentieri!

    RispondiElimina
  2. io ho abbandonato la visione dopo pochi minuti.
    mi è sembrato davvero inguardabile... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo, non ci credo ma davvero? Vabè come se dice, de gustibus hahaha ;)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.