Passa ai contenuti principali

47 Ronin

Ecco un bel film appetitoso...
Nonostante non sia un grande film direi che si lascia vedere bene.
Avevo molte aspettative su questo film e nonostante non sia un capolavoro - e come film d'evasione direi che è fatto più che bene - si fa apprezzare grazie a una completa immedesimazione tra gli spettatori e i protagonisti.
La storia prende spunto da un antica leggenda giapponese, una leggenda di magia, di omicidio, di tradimenti, di avventura, che si consumano dietro la figura di un padrone, che rimane vittima di un sortilegio malefico da parte di alcuni demoni che vogliono prendere il potere.
L'imprevisto è rappresentato dall'antico servo, che non cede di fronte al divieto di vendetta del regnante, e attraverso un giovane forma i 47 ronin per programmare la sua rivalsa.

Allora se questo film bene o male si fa vedere bene, cosa c'è che non funziona? Innanzitutto il problema non è la trama, ma forse, la troppa cura di certi particolari estetici quali l'uso del 3D, toglie naturalezza a un film che avrebbe potuto essere grande, anche senza questi artifizi.
Il regista dal canto suo cerca di fare un film capace di accontentare tutti, ma toglie moltissime potenzialità, soprattutto grazie a una regia sofisticata e spettacolarizzata, che annulla, almeno in parte qualsiasi emozione in positivo.
Da un altra parte lo script è ben scritto, e la recitazione degli attori non è certo da buttare via.
D'altro canto è un film che nonostante sappia intrattenere, è un opera imperfetta, che ha un sacco di potenzialità, ma allo stesso tempo non è certo da buttare via, in parole povere, una seconda visione gliela do sicuramente in futuro.
Senza infamia e senza lode, in giro c'è decisamente di peggio.
Ma sfortunatamente anche di meglio.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

  1. Se fosse stato meno "americano" e più giapponeseggiante (nel vero senso della tradizione giapponese) mi sarebbe piaciuto di più, ma come film d'azione/fantasy si fa guardare volentieri!

    RispondiElimina
  2. io ho abbandonato la visione dopo pochi minuti.
    mi è sembrato davvero inguardabile... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo, non ci credo ma davvero? Vabè come se dice, de gustibus hahaha ;)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.