Passa ai contenuti principali

Underworld Evolution

Secondo capitolo della saga di Underworld: in questa nuova puntata, Selene deve fare i conti con Marcus, nell'eterna lotta tra vampiri e licantropi. Lui è in cerca di suo fratello un licantropo, e intende eliminarlo.
A fargli le scarpe c'è la nostra eroina Selene, una vampira che intende contrastarlo con tutte le sue forze, aiutata da Michael, un ibrido metà vampiro e metà licantropo...insieme dovranno cercare le ragioni che portano Marcus a questa eterna lotta...e forse scopriranno di essere depositari di un segreto legato al primo vampiro...


Secondo capitolo delle avventure di Selene, in questa nuova puntata deve trovare il mistero dei vampiri, e forse la risposta sta dentro di lei e Michael, l'ibrido del quale è innamorata, ma deve fare i conti con Marcus che ha intenzione di scatenare una sanguinosa guerra contro i lincantropi...
una seconda puntata niente male, soprattutto come prodotto di intrattenimento, anche se è un pelino al di sotto del primo capitolo dobbiamo dirlo, tutto sommato si fa vedere bene e ti da i suoi novanta minuti di sano e puro divertimento, soprattutto se volete staccare tra una visione impegnativa è l'altra sarebbe l'ideale.
Ma il film ha i suoi difetti, che tutto sommato non distolgono dal suo compito da sano blockbuster: Una superficialità di fondo, nella caratterizzazione dei personaggi è presentissima, ed evita un vero coinvolgimento del pubblico, peccato perchè il film ne avrebbe guadagnato parecchio, poi una cura particolarmente attenta ad effetti speciali che svuotano ciò che un film dovrebbe fare, colpire al cuore dello spettatore, ma essendo un blockbuster la sua vuotezza ormai si capisce qual'è...ma se fosse stato il contrario sarebbe stato un ottimo blockbuster...le tematiche sono evidenti, anche se meno curate rispetto al primo capitolo della saga.
Nonostante ciò la visione risulta piacevole e divertente, anche coi suoi difetti diciamo che possono passare in secondo piano, nonostante non tocchi mai vertici del grande film, o per meglio dire del grande blockbuster, in poche parole, senza infamia e senza lode, giusto per passare tempo.
Voto: 6



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.