Passa ai contenuti principali

Thor - The Dark World

Ooook spariamoci sto film.
Cambio regista in cabina regia, e abbiamo un prodotto più targato marvel, piuttosto che letterato, come accadeva nel primo capitolo, questo significa, più azione, più tensione, e anche una cura per l'empatia, senza trascurare l'intrattenimento; vi sembra poco?
No, è il classico film in cui tutti possono divertirsi, e il regista lo fa particolarmente bene, devo ammetterlo, anche se manca della cura che Kenneth Branagh aveva apportato ai personaggi nel film precedente.
con Loki in prigione, ora Thor deve combattere contro un cavaliere che vuole portare l'oscurità nel mondo usando la sua ragazza, ma ce la farà a salvare il mondo? Oppure dovrà combattere con le sue mani e fare una scelta impossibile?
Alan Taylor si limita a produrre il classico prodotto d'evasione, pur rispettando i contenuti del fumetto, che esaltano i classici eroi marvel, ma manca di quel tocco d'autore che gli ha dato Branagh, ovvero l'impronta personale.

Alleggerendo il film dal punto di vista registico, e concentrandosi più sulla forma che sulla sostanza, rispettando il fumetto ovviamente si ha un prodotto capace di divertire, ma allo stesso tempo non privo di difetti.
Se Alan Taylor punta dritto al sodo, costruendo un film capace di coinvolgere, senza tanti orpelli personali, e questo è sia un pregio, - il pubblico si diverte in sala - che un difetto - bisogna sempre dare un punto di vista al film, anche se è un blockbuster.
Lo script è vincente, la regia invece è piuttosto anonima, e lascia spesso e volentieri spazio agli attori, che hanno un ruolo fondamentale in questo capitolo.
Naturalmente non manca una cura sugli effetti speciali, in questo capitolo si curano più dei contenuti, ed è la cosa migliore ovviamente, ma tutto questo non basta a fare un grande film.
Il film si, resta un buon film, ti diverte ma a lungo andare gli daresti soltanto un altra occhiata, poi ovviamente si passa ad altro, peccato perchè con tutti questi presupposti aveva molte potenzialità.
Alla fin fine rimane sempre un opera di intrattenimento, il classico "popcorn movie" per così dire, buono per staccare tra una pellicola impegnata e l'altra, resta comunque senza infamia e senza lode.
Il grande cinema però è un altra cosa.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

  1. ancora non l'ho visto perchè non ho esattamente gradito il primo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bah non è che perdi molto, se lo vuoi vedere giusto per staccare tra una visione impegnata e un altra xD

      Elimina
  2. Loki a parte questo Thor 2 andrebbe dimenticato come merita. 'na noia mortale e pasticciata, inopportunamente comica a tratti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uuuh addirittura, manco come intrattenimento è bono, beh pazienza hahaha xD

      Elimina
    2. Ma sì, vatti a leggere la mia recensione, zeppa dei commenti tra me e i miei amici al cinema uaha XD

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.