Passa ai contenuti principali

Rambo - (First Blood)

Ok continua il mio viaggio nel cinema d'azione, ma ora mi chiederete, ma Arwen che fai la rassegna dedicata a Sly Stallone? Beh, forse hahaha, comunque scherzi a parte, sapete da dove è cominciato il tutto no? Vorrei recensire film d'azione, mascolini, testosteronici attraverso il mio sguardo femminile, e la cosa continua, così ora tocca al mitico Rambo.
Origine letteraria, ricordiamolo, il film è tratto dal romanzo di David Morrell First Blood questo è il titolo originale sia del film che del libro.
Un eroe, un reduce del vietnam che cerca di dimentiare l'orrore della guerra e ricominciare a vivere, ma a fargli le scarpe ci pensa uno sceriffo bastardo, che abusa del suo potere e vuole sbatterlo fuori dalla cittadina.
L'altra faccia dell'america, attraverso la sporca guerra, ovviamente Rambo  è un eroe che tenta il tutto e per tutto per uscire dal casino in cui si è trovato immischiato, e deve fare i conti con la polizia corrotta del luogo, che non ne vuole sapere di averlo tra i suoi "rispettabili" concittadini.
Il film è un atto di denuncia verso un america che vuole soltanto vincitori, un america edonistica e fasulla, che non ammette perdenti, soprattutto persone che sono state sconfitte dalla guerra come appunto John Rambo.
Il film è un altro filone che ha portato al successo un attore grandioso come Sylvester Stallone, che con questa scusa lo sto scoprendo, ed è uno dei protagonisti di questo mio anno cinefilo, e con Rocky rappresenta la seconda saga di successo che ne ha fatto un mito.
Inoltre è opportuno ricordare che il film non è il classico film d'azione, è un film che fa riflettere sulla sporca guerra, e sul grado di paraculaggine delle forze dell'ordine, pronti a mettere sotto i piedi coloro che sono lontani dalla gente accettabile nella società; abusando persino del loro potere.
Un film che ha come metafora i pregiudizi, e soprattutto il controllo del potere, sugli altri.
Il cast è eccezzionale, oltre al sovracitato Stallone, abbiamo Brian Dennehy, che interpreta lo sceriffo cattivo e Richard Crennna, nel ruolo del superiore di Rambo, l'unico al quale lui obbedisce, ma si sa che polizia e forze militari avvolte collaborano insieme.
Cultone, da non perdere, se siete fan di Stallone o lo volete conoscere.
Voto: 7



Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.