Passa ai contenuti principali

6 donne per l'assassino

Come vi ho anticipato ieri, vado fino in fondo, e per l'occasione comincio da un titolo visto l'anno scorso, in occasione delle mie grandi visioni filmiche, ScreenCult esordisce con un sottogenere del cinema di genere italiano, che c'è la tag apposita, prima pellicola un film che ha ridisegnato il poliziesco all'italiana 6 Donne Per L'assassino, del mio amato Mario Bava.

Un capolavoro, cos'altro dire?
Il film è ambientato in un atelièr di moda dove muoiono sei ragazze, sei modelle insomma, e la polizia deve ricostruire tramite gli indizi, e il diario di una delle vittime cosa è accaduto e soprattutto chi è il colpevole degli omicidi.
Uno dei primi slasher, dalla costruzione innovativa che è stato di ispirazione a molti registi sia italiani che stranieri.
Mario Bava costruisce il film con il metronomo, sa dosare bene tutti gli ingredienti, e ha una trama particolare e complessa, ma che è capace di tenerti letteralmente incollato alla poltrona dall'inizio alla fine.
Sfido chiunque a indovinare il colpevole a pochi minuti dall'inizio, chi ce la fa, ha ovviamente l'occhio di lince, chi non ce la fa - come la sottoscritta - si troverà davanti un film davvero capace di catturarti, e non sto scherzando.
In passato il cinema di genere italiano ha trovato ampio spazio da queste parti, e ora ne avrà maggiormente, dato l'impegno che vi ho promesso, di trasformare il blog in un luogo serio e ricercato, e oggi vi ho fatto questa sorpresa, che già lo avrei recensito ma ho voluto fare le cose per bene diciamo.
Consigliatissimo, se volete vedere un film insolito, e scoprire uno degli autori massimi della settima arte, per quanto riguarda il cinema di genere italiano, che non deve essere sottovalutato dato che è stato di ispirazione per molti registi, e che Tarantino stesso ha rivalutato.
Il cinema, come settima arte deve essere rivalutato e le pellicole farle conoscere  a chi ne è digiuno.
In conclusione, un film da non perdere.
Voto: 8


Commenti

  1. Mia cara , se non ricordo male penso di averlo visto, perchè il mio compagno era sempre alla caccia di gialli dove l'assassino non si scoprisse subito..e questo mi suona familiare..
    Un bacio serale amica mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un bacio anche a te, ti è piaciuto poi il film? :)

      Elimina
  2. Di Bava ho visto veramente pochissimo ahimé... mi riprometto sempre di recuperare! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro Bava, e per chi ama l'horror è imprescindibile, recupera Bolla :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.