Passa ai contenuti principali

Nuovomondo

Come vi avevo accennato, vado fino in fondo, ed ecco a voi Nuovomondo, pellicola che affronta le radici degli immigrati italiani, raccontati attraverso una famiglia di agricoltori siciliani, in cui c'è un ragazzo sordomuto in apparenza.
La storia si concentra sul giovane capofamiglia, Salvatore, che rimasto vedovo e dopo aver visto delle fotografie che ritraevano persone con carote giganti e galline grosse quanto una casa, decide di cambiare vita e parte per l'america insieme a tutta la famiglia, si porta persino la madre anziana.
La sua strada si incrocia a quella della giovane Lucy in cerca di un marito da impalmare e di cui si innamorerà, osteggiata dalla madre di lui, che in lei vede un pericolo per il figlio. Lucy, così spigliata, così aperta rappresenta ciò che la madre e la sua cultura non è, è una donna moderna, aperta al mondo rispetto alla ristrettezza mentale della donna anziana, ancora ignorante, che non ha mai letto o scritto niente, e che tutto il suo mondo si racchiude nel pregiudizio e nel lavoro dei campi.

Un film che ricorda agli italiani le radici dell'immigrazione, uscito proprio nel momento giusto quando ad immigrare sono gli africani, i marocchini, cosa che loro nella loro bambagia hanno dimenticato - parlo ovviamente degli italiani pieni di pregiudizi - ricordiamo le nostre radici, non è mai troppo tardi per cambiare idea.
Emanuele Crialese non risparmia niente e nessuno, e sa bene come parlare di qualcosa di spiacevole, anche se deve sottolineare lo stato culturale dell'italiano medio di allora.
Film come questi dovrebbero essere presentati nelle scuole, onde insegnare ai ragazzi il valore della tolleranza e soprattutto del rispetto verso chi viene a lavorare in Italia, lasciando la propria casa, che salvo alcuni casi, è sempre spiacevole lasciare il tuo mondo per un altro, soprattutto perchè si lasciano le proprie radici e la propria vita, sottolineiamolo.
Un film adulto, capace di parlare e raccontare, anche se è girato in siciliano stretto, ma io essendo siciliana ho capito perfettamente le sue parole, ma soprattutto il valore che vuole trasmettere.
Cosa penso di questo film?
L'avete già letto poco fa, comunque sia se lo volete guardare, fatelo, e poi mi dite se ho ragione o meno.
Crialese, inoltre ha la capacità di catturare le diverse sfaccettature dei cambiamenti del mondo attorno al quale questa famiglia si appresta a cambiare vita, e vengono rappresentati dal personaggio di Lucy, una sempre brava Charlotte Gainsbourg che recita persino in italiano.
Correte subito a vederlo.
Voto: 8




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.