Passa ai contenuti principali

Gigolò per Caso

Oh oh oh, e che abbiamo qui? L'ultima pellicola del mio amato John Turturro, per chi segue questi lidi, sa che è un attore apprezzatissimo da queste parti, e un regista curioso e intrigante, soprattutto dopo la visione del bellissimo e musicale Romance & Cigarettes che mi ha divertita non poco.
In questa divertente commedia, recita a fianco di Woody Allen, che torna a fare solo l'attore in un film non diretto da lui, dopo la prova di Ho solo fatto a pezzi mia moglie del 2000.

John Turturro che oltre a dirigere il film lo scrive e lo interpreta, veste i panni di Fioravante, un timido fioraio, che si convince a fare il mestiere più antico del mondo, ovvero il gigolò, per signore sole, e si mette in società con l'amico libraio Murray Woody Allen che gli fa da pappone, e insieme si gestiscono gli affari, ma le cose si complicano con l'arrivo di Avigail, vedova di un rabino, che farà battere il cuore a Fioravante, e dovrà scontrarsi con la comunità ebraica e ortodossa, rischiando davvero tanto...alle calcagne c'è Dovi, da sempre innamorato della donna sin da quando erano ragazzini.
Turturro dirige una commedia per adulti brillante e sofisticata, sexy, e frizzante, aiutato dal grande Woody Allen con cui forma un duo di amici che può essere visto come la strana coppia, coaudiuvato da una regia intelligente e sofisticata, e da un cast di attori perfettamente in parte, tra cui spicca anche la brillante Sharon Stone su tutti.
Un film alleniano di tutto rispetto che mischia sapientemente vari ingredienti rendendo il piatto ricco e appetitoso e per certi versi godibile.
In altre parole, un film capace di accontentare tutti, sia il semplice spettatore, che quello più esigente, rispettando i canoni di un certo cinema di qualità, e evitando le semplificazioni del cinema semplicemente d'evazione.
Riesce a divertire, ma anche a riflettere sulle tante vie, per contrastare la grande crisi economica che stiamo  vivendo, Murray accetta di aiutare Fioravante per evitare la chiusura della libreria di famiglia, aperta da suo padre, e allo stesso tempo aiuta l'amico a ingranare.
Voto: 7






Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.