Passa ai contenuti principali

Unbreakable Il predestinato

Bruce Willis torna a lavorare con M. Night Shyamalan, dopo il grande successo de Il Sesto Senso, che ha rivelato al mondo il giovane regista indiano.
Per la doppietta ha scelto di portare sullo schermo la storia di due antagonisti, il primo Elijah, - un formidabile Samuel L Jackson -  è un uomo che combatte da tutta la vita con una strana malattia genetica che gli rende le ossa molto fragili, basta pochissimo per subire una frattura. L'uomo ha la passione per i fumetti, cominciata quando era piccolino grazie alla madre, che gli comprava fumetti per non farlo sentire solo, un giorno la sua vita incrocia quella di David - Bruce Willis - scampato a un incidente mortale in cui non solo è rimasto illeso, ma non si è fatto nemmeno un graffio.
Al funerale delle vittime trova un biglietto sul tergicristallo della sua automobile, nel biglietto c'è una specifica domanda, ti sei mai ammalato? L'uomo comincia a riflettere dentro di se, anche con i suoi familiari, e stringe amicizia con Elijah, per capirci qualcosa sulla sua strana condizione, man mano che la ricerca su se stesso va avanti, le cose si fanno non solo più strane, ma anche sconvolgenti, David non riesce a credere che nella sua vita non si è mai ammalato, e cerca una risposta alla sua condizione, l'unico che può capirlo, sembrerebbe proprio Elijah, il quale nasconde un segreto ancora più sconvolgente di quanto David può pensare...come reagirà davanti alla verità?
Dimenticatevi il film precedente, anzi vi suggerisco di non fare neanche paragoni perchè sono film completamente differenti, io personalmente ho apprezzato questo film, che è girato abbastanza bene, e Shyamalan che è un autore intelligente, sa che non deve ripetersi e perciò dirige un film completamente diverso dal precedente, ma si sa certe persone preferiscono dire che non è all'altezza e tante varie cose, io dico invece che non solo è all'altezza, ma addirittura lo supera pure, merito di una sceneggiatura intelligente, capace di tenere sulle spine lo spettatore e non rivelare nulla, e della recitazione dei due protagonisti, Bruce Willis è in piena forma, ed è in simbiosi con un ruolo più complesso del precedente, in cui il suo personaggio deve cercare se stesso per capire come mai è scampato a un incidente tanto grave, poi c'è Samuel L Jackson, e qui lo dico, il film va visto principalmente per lui, è in assoluto il migliore, capace di rendere umano il suo personaggio, per poi scoprire le carte nel finale che non rivelo per non rovinare la sorpresa a chi non l'ha visto, come dicevo prima Jackson è bravissimo, lui è la classica ciliegina sulla torta, rendere due persone così diverse come protagonisti da una marcia in più al film in cui il regista si diverte a giocare una partita con lo spettatore, come aveva fatto col suo precedente lavoro, nessuno immagina o sospetta quale sia la verità, fino a che Elijah, non scopre le carte in tavola.
DA NON PERDERE.







La Fabbrica dei sogni partecipa in occasione del compleanno di Bruce Willis, al Bruce Willis Day, come del resto ogni mese a questa parte per ogni attore diverso, auguri Bruce, ecco tutti gli altri partecipanti all'iniziativa:

WhiteRussian

Commenti

  1. il film sui supereroi più originale (e anche più sottovalutato) mai realizzato!

    RispondiElimina
  2. Io lo vidi sia in inglese (e rendeva di più) che in italiano. Ricordo che non mi dipiacque ma non mi appassionò fino in fondo... è passato però tanto di quel tempo. Dovrei rivederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si rivedilo, poi dimmi se ti è piaciuto :)

      Elimina
  3. Risposte
    1. concordo, grandissimo Samuel L Jackson come sempre ^_^

      Elimina
  4. Buon BWD, film interessante che credo di aver perso....

    RispondiElimina
  5. Rimasi a bocca aperta per il finale iniziando ad apprezzare i colpi di coda che il regista ci regala ma... gli preferisco Il sesto senso, senza dubbi!
    Buon BWD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche questo è bello, senza dubbio si tratta di due film diversi :)

      Elimina
  6. Buon BWD! Unbreakable lo vidi al cinema e mi lasciò abbastanza interdetto ma come al solito sbagliavo..uno dei film più originali sui supereroi...

    RispondiElimina
  7. Mi manca questo film! D'altronde vidi dopo parecchi anni anche Il Sesto Senso!
    Buon Bruce Willis day!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guardatelo e poi mi fai sapere se ti è piaciuto ^_^

      Elimina
  8. "Io sono l'uomo di vetro, tu sei l'omo di ferro" Cit.
    Bello bello pure questo!
    Buon Bruce Willis Day!

    RispondiElimina
  9. Non mi era dispiaciuto, anche se non l'ho mai considerato imperdibile.
    Buon BWD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh come si dice Ford, tutti i gusti sono gusti :D

      Elimina
  10. Pur essendo di Shalacoso, sto film non mi è mai dispiaciuto. Buon BWD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon BWD anche a te, e mi fa piacere che non ti sia dispiaciuto :)

      Elimina
  11. Buon BWD, devo proprio rivederlo, non lo ricordo molto bene.

    RispondiElimina
  12. Risposte
    1. Io direi strafigo, Buon BWD anche a te Barbara :)

      Elimina
  13. Devo ASSOLUTAMENTE recuperarlo visto che ho in mente un mezzo speciale sui supereroi e non vorrei poi pentirmene.. questo BWD si sta rivelando una preziosa collana e questa è una delle perle... auguri anche a te (:

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…