Passa ai contenuti principali

Lezioni di cioccolato 2

Vi piace il cioccolato? Amate le storie a lieto fine che si intrecciano con altre culture? Vi piacciono le commedie romantiche? Allora avete scelto il film giusto.
Lezioni di cioccolato 2 è un degno seguito del primo capitolo, e vede come protagonisti Mattia Luca Argentero, che è ritornato a malavoglia nell'edilizia, e il suo amico Kamal Hassani Shapi che dopo il corso di cioccolato ha aperto una cioccolateria che fatica ad avere successo, come fare per decollare il negozio e raggiungere il successo? I due amici si incontrano e si mettono in affari insieme, ma il destino gioca con il cuore di Mattia e della figlia di Kamal, il cui padre vuole per lei un matrimonio tradizionale egiziano, il giovane Mattia racconta tutto a Kamal, che crede che la ragazza non è sua figlia ma un altra ragazza egiziana, lui gelosissimo non accetta che Mattia gironzoli intorno alla figlia, il tutto è condito da una serie di equivoci in cui tutto si risolverà con la bontà di un cioccolattino.
E' uno dei rari casi in cui il seguito non mette e non viene messo in ombra dal primo capitolo.
La particolarità di questo secondo capitolo sono i sapori orientali e la capacità di divertire lo spettatore con una storia ben scritta in cui i personaggi entrano in simbiosi con lo spettatore.
Questo secondo capitolo conquista, anche meglio del primo, anche grazie alla capacità del regista di aver riunito quasi tutta la squadra del primo capitolo, come dire squadra vincente non si cambia, e aggiunge un altra attrice al posto di Violante Placido, in questo film c'è Nabihia Akkari ben più solare e spigliata della prima, che interpretava Cecilia nel primo capitolo.
Un nuovo capitolo che mischia le tradizioni egiziane con le italiane, e che infondo infondo fa capire quanto siamo simili, il film è solare divertente, avvolte anche esilarante, e val la pena di guardarlo anche per la bravura degli attori.
In conclusione, un piccolo film che riesce a divertire sui piccoli grandi difetti di italiani e egiziani, ma che infondo infondo ci fa notare quanto siamo simili.
DA NON PERDERE.




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.