Passa ai contenuti principali

Flight

Cosa succede a un pilota di linea che rischia di perdere il posto perchè ha pilotato il suo aereo in stato di ebbrezza?
Ce lo racconta un ispirato e intenso Robert Zemeckis, con un film drammatico e tosto, perchè i tempi di Forrest Gump sono ormai lontani, allora si punta su un opera di impatto più drammatico e più adulto.
Il protagonista Whip Whitacker, è un antieroe, un uomo qualunque, con i suoi pregi e i suoi difetti che sono sottolineati in maniera spiccia sintetica, senza falsi pudori o sentimentalismi, possiamo detestare questo personaggio, che cerca in tutti i modi di farla franca all'inizio, possiamo anche giudicarlo, perchè per la sua spericolata azione sono  morte anche persone innocenti.
Cercherà non solo di farla franca cercando dei cavilli che nascondono cosa è successo realmente, ma quando si accorgerà che deve cambiare vita, si mette in esame anche grazie all'amore di una giovane donna, che come lui cerca una via di salvezza da una dipendenza che lo sta distruggendo, sarà il suo angelo custode e il motivo principale per dire in faccia la verità, anche se fa male, anche se può distruggerti una carriera, ma è meglio una carriera distrutta che vivere con la coscienza sporca di persone molte per causa sua.
Ed è un viaggio anche per riallacciare i rapporti ormai deteriorati con la sua famiglia, con suo figlio che vive lontano da lui a causa dei suoi problemi.
Robert Zemeckis dirige un film spregiudicato e sincero, perfettamente cosciente di raccontare una storia il cui protagonista non entrerà subito nelle simpatie dello spettatore ma fa di tutto purchè lo spettatore lo capisca, non cercando di entrare in una facile empatia, anzi, fa al contrario, cerca di sottolineare il dramma della situazione di una persona normale fa in modo che lo spettatore si metta nei suoi panni, anche se  è una parola grossa e lo ammetto, ma è meglio descrivere una persona come normale, piuttosto che come cattiva; con i suoi pregi i suoi difetti e le sue debolezze, perchè nonostante tutto è un essere umano.
Per quanto la sua azione sia condannabile e lo è, il film sottolinea anche l'insabbiatura che le compagnie creano per salvare i piloti e pararsi il culo, scusando la frase cercando di dare la colpa alla compagnia che ha prodotto l'aereo che non centra niente piuttosto che punire colui che ha sbagliato.
Un film schietto, capace di far riflettere su un tema drammatico come un incidente aereo, mostrando esseri umani senza falsi moralismi o inutili accanimenti.
DA NON PERDERE.


Commenti

  1. Film interessante, d'accordo con te:)

    RispondiElimina
  2. grande volo, pardon grande film, parecchio sottovalutato..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah si? A me è piaciuto molto soprattutto perchè è un opera che si distanzia dai suoi precedenti film :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.