Passa ai contenuti principali

Lincoln

No! No! No! No! No!
Potrebbe finire qui la mia recensione, che credo sia molto breve oggi, perchè per recensire questa americanata assurda non ci vogliono mica grandi paroloni eh?
Scusate ma quando è troppo è troppo, si richiede un filmone diretto dallo zio Steve e subito!!!
Scusate ma quando una persona punta su un film, che poi si rivela una assurda pacchianeria credo che i cinque minuti vengono a chiunque no?
E continuo a dire
No! No! No! No! E ancora No!
Spielberg non mi può ancora fare questi polpettoni costruiti per accalappiarsi gli oscar, e Daniel Day Lewis ha praticamente strappato il mio oscar del cuore, che quest'anno andava a Joaquin Phoenix per cosa? Una storia tipicamente americana, nè più e nè meno, scusate ma non ho neanche voglia di mettere la locandina a sinistra come faccio sempre, la lascio al centro, e non è una questione politica, beh anche se di politica nel film ce ne è tanta...va bene, avete capito che il film descritto di sopra, anche se oggi è il giorno della rassegna di Spielberg dovevo pure recensirlo, quindi potevo vedermi il tempio maledetto e certamente mi sarei divertita molto di più, va bene trasportato alla prossima settimana.
Il film non racconta altro che la cronistoria della guerra di secessione e l'inclusione del 13° emendamento, che garantiva la fine della schiavitù dei neri negli stati uniti con la conseguente fine della guerra di secessione, stop, e Spielberg mi fa un film lunghissimo, prolisso, noioso, palloso da morire? Ma cacchio fammi un ottimo film più coinvolgente, più intrigante, no, e io volevo credere a un opera interessante...no questo film è peggio di War horse. Un consiglio, mo basta co ste film te preeegooooo!!!!



Commenti

  1. sì, un film noioso, ma no, non è peggio di war horse.
    peggio di war horse non c'è quasi niente... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'hai ragione, però du palleeeeeee

      Elimina
  2. Nah, io sono riuscita ad entusiasmarmi come se non sapessi com'era andata a finire la vicenda, addirittura alla fine contavo i voti! XD
    L'ho trovato davvero un bel film, l'unico neo è quel lunghissimo, prolisso e patriottico finale che ha rovinato il ritmo complessivo dell'opera, ma per il resto voto 8, come minimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come si dice, davanti a un film una persona può avere reazioni differenti, a te è piaciuto e rispetto il tuo parere, io l'ho trovato noioso, prolisso, come se Spielberg avesse fatto qualcosa che non sentiva davvero dentro di se, ma va bene così :)

      Elimina
  3. Beh io sono in disaccordo con te e con tutti quelli che criticano Lincoln.. Ok, per noi può risultare un film LEGGERMENTE patriottico o di parte. Quando mi avvicino a un film del genere penso sempre a chi l'ha fatto e perché. Se si rispetta chi l'ha fatto, bisogna rispettarne anche le intenzioni e il risultato. Spielberg voleva ottenere un film celebrativo? Fare un omaggio a un presidente che è molto amato in America? Si. C'è riuscito? Alla grande, senza dubbio. Forse noi non capiremo mai questo senso di patriottismo che hanno gli americani perché in Italia manca completamente. Arriviamo a stimare qualche personaggio politico del passato, ma non abbiamo miti, nè tanto meno eroi. Non capiamo questo cinema perché ci manca il gene del patriottismo secondo me. Non intendo criticare nè sminuire un opera così grande, frutto del lavoro di tanta gente solo perché non approvo il genere. Un regista è un'artista, usa la pellicola come gli pare per quanto mi riguarda. Non si possono punire le intenzioni perché stanno alla base del gioco..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aspetta, criticare un film non vuol dire non capirlo, una opera cinematografica può piacere o non può piacere, non per questo non credo che la gente se non piace un film non lo capisca, possiamo non comprendere il patriottismo americano, e questa è una cosa sacrosanta per carità, ma mica io ho criticato il patriottismo americano, ho criticato il film che non mi è piaciuto, e credo di avere il sacrosanto diritto di dire che non mi piace senza passare come una persona che non capisce niente giusto? :)

      Elimina
  4. Scusa Arwen..: No era nel senso che a Lincoln preferivi il film di Larrain? ah ah :) anche io mi sono leggerissimamente annoiato, sono stato quasi a rischio di caduta palpebra ma concordo col Cannibale: War Horse è molto peggio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si il film è decisamente noioso :)

      Elimina
  5. Come ho scritto da altre parti, io mi sono annoiata pure a recensirlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Poison, si spielberg ha fatto decisamente di meglio :)

      Elimina
  6. Non capisco dove sia l'americanata, a meno che per americanata non si intenda parlare di qualcosa di americano. Lincoln non viene nemmeno dipinto come un eroe ma come un politico che per ragion di stato ha persino commesso azioni illegali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per americanata non si intende qualcosa di americano, ma qualcosa ricco d stereotipi da un certo tipo di film di propaganda, ovviamente ognuno da il suo parere, c'è a chi è piaciuto di più e c'è chi non ha visto niente...

      Elimina
    2. Sì, lo so che non si intende quello, è che proprio non capisco dove siano gli stereotipi e la propaganda. In fondo è un film su un presidente americano. Comunque un po' mi dispiace che non hai apprezzato :D per una volta che io apprezzo un film di Spielberg

      Elimina
    3. beh forse è proprio quello il punto, parlare di un uomo politico è già propaganda, comunque sia nonostante i difetti è lodevole che Spielberg abbia voluto fare un film sulla figura di Lincoln, anche se io ho apprezzato molto di più opere come amistad o shindler's list, dove davvero ha dato il meglio di se :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.