Passa ai contenuti principali

Il Caso Spotlight

Il Caso Spotlight indaga sul sistematico insabbiamento dei casi di pedofilia all'interno della chiesa cattolica.
A indagare c'è un team di giornalisti che ricercano i casi ritenuti secretati, ovvero insabbiati facendo la sconvolgente scoperta che il fenemeno è molto più esteso di quanto si pensi.

Film tratto da una storia vera su un team che indaga sugli abusi sessuali commessi dai preti all'interno della chiesa cattolica con una inchiesta giornalistica che ha vinto il premio pulitzer.
In questo periodo di tempo fanno la conoscenza di persone che anno subito abusi sessuali da parte dei preti e cominciano a parlare.
Il potere della chiesa cattolica non basta a fermare il team spotlight come viene chiamato, e le indagini proseguono scoperchiando gli scheletri nell'armadio di prelati, coperti dall'insabbiamento del vaticano, che per proteggere la sua istituzione ha secretato tutti i casi...ma i giornalisti tramite un avvocato riescono a penetrare la dove il vaticano non vuole che si indaghi, pur attirandosi le antipatie della chiesa cattolica, non si spaventano di fronte a niente.
Un film difficile e controverso come questo è ovvio che esce facendo un grande scalpore, molti credono che i preti pedofili siano una minoranza e minimizzano, senza documentarsi caso per caso, senza scoprire il lato oscuro della chiesa non si può certo capire il fenomeno, che solo nella città in cui è ambientato il film vanta il 6% dei preti pedofili, immaginate nel mondo quanti siano, ma soprattutto immaginate quanti siano i casi insabbiati dalla chiesa, che dovrebbe rappresentare il bene e invece anche la chiesa ha un lato oscuro.
Fare un indagine del genere richiede molto coraggio e pazienza e stomaci forti.
Tutto comincia con il caso di un prete che per trenta anni ha abusato sistematicamente dei ragazzi che frequentavano la chiesa, per andare via via allo scoperchiare una miriade di segreti e bugie tenuti nascosti dalla chiesa cattolica.
Non dimenticate che la chiesa è fatta dagli uomini, e in tutti gli uomini vige il lato oscuro anche se portano l'abito talare.
Voto: 7


Commenti

  1. Senz'altro ben fatto, ma alla fine dei conti anche se è un film tende al documentario, ci sono pochi momenti relmente cinematografici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse perchè è tratto da una storia vera? Può essere xD

      Elimina
    2. lo so, ma non è quello che intendevo :)
      D'altra parte quanti film tratti da una storia vera riescono a non limitarsi a documentarla...?

      Elimina
    3. In effetti...ma forse l'intento del regista era proprio questo ;)

      Elimina
  2. E' un film che ha molto diviso, a me è piaciuto davvero molto e sono contento che abbia vinto l'Oscar, anche se non è il mio preferito dell'anno (almeno Room e Mad Max gli sono superiori)

    RispondiElimina
  3. Volutamente anti spettacolare e realistico, un tipo di cinema che apprezzo e si vede poco, un film molto etico, ottimo pezzo e il voto mi sembra molto giusto ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti, il film è fin troppo realistico, forse in senso buono ^_^

      Elimina
  4. oscar meritato
    io avrei premiato REVENANT; ma il coraggio e la costanza vanno applauditi e ricordati pertutti i secolideisecoliamen
    da noi, nell'italiesco paese dei cachi, non si fanno film così (non costerebbero neanche tanto... è il pubblico che se frega di questi temi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no peggio, minimizzano, il compagno di mia zia si è incazzato quando in viaggio si parlava di pedofilia e ha minimizzato il tutto ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.