Passa ai contenuti principali

Il cuoco, il ladro sua moglie e l'amante

Terrificante, in senso positivo però.
Un film incredibile in tutti i sensi, dove la protagonista Georgina è succube di un marito egoista che maltratta tutti, finchè non rimane conquistata da Michael un libraio che viene al ristorante solo per leggere.
Dal semplice gioco di sguardi comincia una appassionata relazione extraconiugale, che, con la complicità di Richard, il cuoco, che offre le cucine per consumare il loro adulterio, finchè il marito non lo scopre grazie alla spia della donna di uno dei suoi scagnozzi.
Albert fa uccidere in modo sadico il suo rivale, ma Georgina ha in serbo una crudelissima vendetta.

Un film da pelle d'oca, specialmente la parte finale dove chiaramente Albert mostra di pisciarsi sotto dalla paura.
Greenaway fa una satira sul matrimonio a modo suo, mostra  un protagonista, egoista, arrogante, presuntuoso sposato a una donna mite che ogni sera viene umiliata finchè non ce la fa più e si trova un altro uomo che l'apprezzi.
Ma il gioco è che quando il maschio perde la sua autorità, comincia ad uscire le unghie. Perchè prima di tutto usa sua moglie come un oggetto di sua proprietà, e finchè non ha avuto  le corna era tutto giusto, poi quando la moglie lo tradisce rivendica la sua proprietà non perchè la ama; ma perchè è sua punto.
Il gioco si inverte quando Georgina si vendica di suo marito Albert.
E' lì che noi vediamo chi ha veramente le palle per affrontare il tutto, e chi invece si caca sotto dalla paura.
Bellissimo e crudelissimo, un opera da collezionare per vederlo e accorgersi della forza di noi donne, che molto spesso non veniamo prese per quello che siamo dagli uomini.
Una metafora realista e terrificante sul rapporto a due che merita davvero di essere nella vostra collezione, complesso e macabro forse non è per tutti gli stomaci, ma un occhiata la merita comunque.
E' uno dei migliori film di Peter Greenaway, che gioca sapientemente con lo spettatore fino alla portata finale, la più terribile e raccapricciante.
Non mancano i riferimenti all'arte, sempre presenti nell'universo cinematografico del regista britannico.
Che altro dire se non correte a vederlo?
Sempre che non vi impressionate ovviamente.
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.