Passa ai contenuti principali

Tusk

Wallace è uno speaker radiofonico sempre a caccia di storie bizzarre, un giorno si imbatte in uno strano marinaio che sostiene di essere stato salvato da un tricheco.
Quello che Wallace non sospetta minimamente è l'insanità mentale del marinaio, che ha in mente di fare strani esperimenti su di lui.


Beh, cosa devo dirvi...
Come film horror ci sta tutto anche se sinceramente lo vedo come una dark comedy sulle stranezze della vita, mi aspettavo decisamente di più da un film del genere, forse qualcosa di ancora più oscuro, quasi gotico, ma in realtà e forse è uno dei suoi pregi maggiori, il film è bizzarro, forse anche per questo funziona.
Bello l'inizio con gli speakers che cazzeggiano alla radio, più tragico il finale che non vi spoilero.
Non credevo che Kevin Smith fosse capace di giocare così bene con i generi, perchè questo non è un vero film horror.
Troppo bizzarro, troppo sui generis per essere un vero film horror, si avvicina forse all'horror demenziale, attacca come una commedia, poi continua verso una avventura tragica per finire in maniera veramente allucinante.
Ovviamente l'intervista era un espediente per portare a termine il piano allucinante del marinaio, che non si accontenta di raccontare la sua storia: vuole andare fino in fondo.
Forse la sua non è una vera storia, ma un espediente per fare i suoi esperimenti, e sono degli esprimenti davvero da pelle d'oca.
Se mi è piaciuto? Giudicate voi stavolta.
Voto: 7

Trailer Originale


Commenti

  1. Fin troppo buona, lo trovi commentato anche dalle mie parti, ma ci sono andato giù molto più duro. Cheers!

    RispondiElimina
  2. Sta volta Smith l'ha fatta grossa ahah

    RispondiElimina
  3. What?! ma che film cretino sembra, da quello che ho letto bizzarro è poco, me lo segno ma forse passo ;)

    RispondiElimina
  4. Io adoro Kevin Smith, è evidente che in questo film sia sia sbizzarrito e non sempre sia a fuoco... ma avercene!

    RispondiElimina
  5. Sul piano dello schifo alla The Human Centipede funziona alla perfezione. Per il resto fallisce sia nei tempi comici che in quelli horror e il personaggio di Johnny Depp sarebbe da prendere a ceffoni.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.