Passa ai contenuti principali

Mission to Mars



Nuovo appuntamento con la combriccola degli amici bloggers  del FICA, cosa  a cui non manco di partecipare, anche perché i bloggers che ci partecipano sono miei grandi amici.
Allora, si festeggia l'allunaggio, e per l'occasione Kris Kelvin ha organizzato lui una celebration, a cui certamente non si poteva non partecipare.
Sono una grande amante del genere fantascientifico, per l'occasione ho scelto uno di quei film che una volta visti ti restano dentro… diretto da Brian De Palma nel 2000.


Per me Mission To Mars ha un valore affettivo molto particolare.
Di solito Brian De Palma è conosciuto come un regista che si è creato una certa reputazione a Hollywood, dimostrando di essere l'erede del maestro del brivido, e dirigendo opere di genere giallo, thriller e anche horror, con Mission To Mars, per la prima volta si cimenta nella fantascienza, dirigendo un film incompreso, ma grandissimo, capace di suscitare emozioni grandissime, almeno per la sottoscritta è stato così.
La prima volta che l'ho visto è stato quando lo registrai dalla tv, con il mio vecchio videoregistratore, fu un colpo di fulmine, e ogni volta che lo vedo provo sempre la stessa emozione, ci sono attori straordinari nel cast del film: Gary Sinise, Tim Robbins, Connie Nielsen, e anche Jerry O'Connell, la storia è quella di una missione di salvataggio di un astronauta Luke che è rimasto su marte, dopo essere stato testimone di un evento che ha messo fine alla vita dei membri del suo equipaggio, dopo aver ascoltato un rumore ed essere scesi dalla navicella per capire cosa fosse successo, un gigantesco tornado, pone fine alla vita dell'equipaggio, lasciandolo solo su marte.
Una squadra viene mandata proprio sul pianeta rosso, per riportare a casa Luke, ma lo trovano in stato confusionale a causa dello shock subito nell'aver visto i suoi amici morire, dopo un po' di tempo si riprende, e insieme cercano di continuare il lavoro cominciato da Luke e dalla sua squadra, scoprendo una verità inimmaginabile e una nuova forma di vita, che li invita a scoprire le origini del pianeta terra…
Non dico altro altrimenti spoilererei...dico soltanto che è uno di quei film che emozionalmente riescono ad entrarti nel cuore.
Adoro Mission To Mars, e solo il fatto che Brian de Palma sia riuscito a fare un film così coinvolgente ed emotivo la dice lunga sulla sua grandezza di regista.
Peccato che alla sua uscita non abbia ottenuto il successo che meritava, ho scelto questo film senza pensarci due volte, perché voglio che anche i miei amici lo guardino.
Nonostante siano passati ben 19 anni, non ha perso il suo smalto, e vi assicuro che se lo vedo tra dieci anni, avrò sempre lo stesso parere in proposito.
Quello che colpisce, è che Brian De Palma, in questo film, ha scelto la veste di narratore, facendo in modo che l'empatia con i personaggi, soprattutto Jim che ha perso la moglie e non può più svolgere missioni.
ma ci pensa Woody a rimetterlo in pista, la scena dove si toglie il cappuccio nello spazio per permettere alla moglie di andare avanti, senza che lei lo salvi, è una delle più potenti.
Film bellissimo e indimenticabile, lo riguardo sempre con piacere e provo ogni volta grandissime emozioni.
Brian De Palma ha saputo girare un grandissimo film, un gioiello da collezionare, se lo becco in blu ray a settembre, state pur certi che lo acquisterò.



Partecipano all'iniziativa:

Deliria
Stories
La Bara VolanteIl Citascacchi
Il Bollalmanacco
The Obsidian Mirror
Non c'è Paragone
Directors Cult
Il Zinefilo
Non Quel Marlowe
Fumetti Etruschi
Gli Archivi di Uruk
30 anni di Alien
Il Citascacchi
IPMP - Locandine Italiane d'annata
SOLARIS




Commenti

  1. Non so bene perchè, ma non riesco proprio a volergli bene a questo film, non mi ha mai impressionato particolarmente, nonostante il genere sia proprio nelle mie corde.

    RispondiElimina
  2. Visto al cinema alla sua uscita, penso sia ancora il film di De Palma che ho visto meno volte. La scena della deriva mi era piaciuta molto, una volta dovrei provare a rivederlo, i titolo Marziani di solito mi comprano sempre ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che invidia l'hai visto al cinema? Fortunato te, comunque rivedilo cassy, sono sicura che l'adorerai

      Elimina
  3. "...voglio che anche i miei amici lo guardino.".
    Sarai esaudita, Arwen, Vado subito a cercarlo....

    RispondiElimina
  4. L'ho visto parecchi anni fa e non lo ricordo molto bene forse perché non mi colpì particolarmente. Un rewatch, dopo le tue parole, ci starebbe! Spero faccia parte dei film buoni di De Palma perchè, poveraccio, l'inghippo con lui è sempre dietro l'angolo (vedi l'ultimo "Domino" che mi ha lasciato a dir poco sconvolta per il suo essere totalmente insignificante) :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda non ho mai avuto problemi con De Palma, infatti ho visto molti suoi film, e due li ho acquistati online in blu ray, Domino se tutto va bene lo guarderò la prossima settimana ^_^
      Cmq Mission To Mars è uno spettacolo per gli occhi e il cuore te lo assicuro :)

      Elimina
  5. Quando De Palma era ancora De Palma: gran bel film, perfetto per questo day. Grazie per aver partecipato :)

    RispondiElimina
  6. Temo di non averlo mai visto, o forse sì ma non lo ricordo, ahimé.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. recupera bollicina, è stupendo questo film ^_^

      Elimina
    2. Visto in tv e non mi aveva particolarmente entusiasmato. Tra l'altro non mi succede per la prima volta con DePalma. Anche gli Intoccabili, secondo me ha qualche pecca, tipo la citazione della Corazzata Potiomkin che la tira un po' troppo per le lunghe e anche forse un doppiaggio mediocre.

      Elimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

Nightmare Alley - La Fiera delle Illusioni

  C'è chi con le illusioni ci campa una vita intera... C'è chi usa le illusioni per scopi personali... C'è chi usa le illusioni per giocare con le vite altrui... Dobbiamo renderci conto che questo film, pur essendo un remake, è girato maledettamente bene, forse non è perfetto, ma è buono, e questo basta e avanza per guardarlo. Un film dove Cate Blanchett fa la cattiva non si può perdere, affatto. Alla regia abbiamo quel grandissimo regista che risponde al nome di Guillermo del Toro , da me amatissimo, sin dalla prima volta che vidi  Mimic , in cui recita anche il nostro Giancarlo Giannini , ma è con  Il Labirinto del Fauno , che è entrato nella rosa dei miei registi preferiti, e da allora ho sempre cercato di guardarli i suoi film. Non sono tutti presenti alla fabbrica, ma vi assicuro che ben presto arriveranno, e questa è una mia promessa. Nightmare Alley  si allontana dal genere fantastico che di solito dirige, e così Del Toro  firma un Noir , all'inizio ambientato in

Pretty Little Liars - Stagione 6

  Serie perfetta per un Guilty Pleasure, però stavolta vorrei fare una seria recensione, per quanto mi è possibile. Non ho mai nascosto che Pretty Little Liars mi diverte, però alla lunga che noia... E' sempre la solita storia che si ripete, annata dopo annata senza mai arrivare a un punto. Dopo lo smascheramento di A da parte delle Liars, eccone spuntare un altra, spuntano come funghi, la storia è divisa tra quando vengono imprigionate da A, che poi sarebbe Charles Di Laurentiis  diventato Charlotte Di Laurentiis , e questi gioca con loro, finalmente si scopre chi è che perseguita le cinque amiche, Charlotte viene imprigionata e passano cinque anni...e un nuovo stalker ricomincia la tiritera, perché vuole l'assassino di Charlotte . Ok, credo che a volte è meglio fare poche stagioni ma buone, che tante per allungare il sugo senza alcun motivo. Perché sembra che sia una serie dejavù, dove le cinque protagoniste vengono perseguitate in continuazione, al loro posto sarei andata in

#LaPromessa2022 - A Hidden Life - Una Vita Nascosta

 Questa è la storia di un uomo coraggioso, Franz Jagerstratter che non si è piegato davanti a Hitler , e ha tenuto fede alla sua parole fino in fondo, arrivando persino ad essere condannato a morte e impiccato, perché? Perchè doveva giurare fedeltà a quel bastardo di Hitler, di conseguenza si è rifiutato di arruolarsi nel suo esercito. Le conseguenze arrivano dai vicini e abitanti del villaggio dove sua moglie e le sue figlie vengono trattate come appestate, ma lui non cede e manda avanti la sua scelta per le sue convinzioni cattoliche, per via della sua coscienza, e del mondo intorno a lui, dove si accorge che il terzo reich è sbagliato e allora decide di non fare quello che fanno tutti, arruolarsi e giurare fedeltà al dittatore nazista. Anche sua moglie si accorge che il marito ha ragione, e decide di appoggiarlo, nonostante le conseguenze, nonostante lo sprezzo degli abitanti del villaggio, lui è coerente con la sua scelta. Morirà sul patibolo, ma diventerà beato grazie a Papa Bene