Passa ai contenuti principali

Celebration Day - Tributo a Ermanno Olmi - Torneranno i Prati

Anche la fabbrica dei sogni si unisce alla combriccola degli amici bloggers per il tributo al grande regista Ermanno Olmi, di cui mi piacerebbe vedere altri film, chissà, magari uno di questi giorni qualche altro film lo vedrò.
Torneranno i prati rappresenta uno spaccato di storia, il film, ambientato durante la prima guerra mondiale, è stato girato per  celebrare i cento anni dall'inizio della prima guerra mondiale, è un film che lascia una forte angoscia dentro.
Dei soldati sono in una trincea con una grande quantità di neve, e aspettano di fare la loro azione, ma nell'attesa accadono tante cose, ci sono soldati ammalati, soldati che aspettano di combattere, il tutto descritto con una minuzia particolare, sottolineare la paura dei protagonisti.
Il film è liberamente ispirato da La Paura, racconto di Federico de Roberto.

Ad alcuni potrebbe sembrare una mattonata, certamente per quanto mi riguarda non lo è, prima di tutto perché è un film particolare e che rappresenta l'assurdità della guerra, ci sono questi soldati, che potrebbero essere persino a casa loro, con le rispettive famiglie, piuttosto buttati al gelo.
Siamo in guerra e il loro compito è stare li in mezzo, in attesa, in silenzio.
Un silenzio che potrebbe significare la follia della situazione, che sottolinea la tristezza, la paura, l'angoscia che ti invade attimo dopo attimo, una situazione in cui nessuno di noi vorrebbe trovarsi.
Ermanno Olmi descrive il tutto per esprimere allo spettatore i sentimenti dei soldati, ci fa entrare nella loro testa creando un empatia incredibile che lascia sorpresi per la sua sincerità e la sua lucidità.
Un film bellissimo e particolare, da vedere assolutamente, anche perché non dura poi molto, soltanto 76 minuti, e vi assicuro che sono di un efficacia incredibile, basta poco più di un ora per sentire i brividi a fior di pelle.
Ve lo assicuro io.
Per me è da vedere, perché è un capolavoro imperfetto che difficilmente si dimentica dopo la visione.

Gli altri amici che partecipano all'iniziativa.

SOLARIS
Il Bollalmanacco
In Central Perk
Non C'è Paragone


Commenti

  1. Di questo film conoscevo solo la recensione di Leo Ortolani, molto poetica, così come dev'essere Torneranno i prati. Tempo permettendo, prima o poi lo recupererò anche io :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. We Bollicina è da molto che non ti vedevo qui, bentornata, si te lo consiglio perché è particolare, ed è anche molto empatico ^_^

      Elimina
  2. Grazie per esserti unita all'omaggio a questo grande regista. Hai scelto il suo ultimo film, come un ideale passaggio di testimone. Condivido quello che hai scritto: un cinema (forse) di respiro antico ma toccante e necessario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è stato un piacere, anche se come sempre arrivo a recensirlo all'ultimo minuto, fa niente, si dovrebbe davvero fare una retrospettiva su questo regista, perché è molto interessante ^_^

      Elimina
  3. La poetica di Olmi cancella il rischio di mattonate, quindi lo devo vedere! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, fallo, sono sicura che non te ne pentirai ^_^

      Elimina
  4. Questo non l'ho ancora visto, ma verrà proposto dall'associazione Cineforum di cui faccio parte nella prossima stagione, in occasione del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale. Quindi attendo speranzoso di vederlo!

    RispondiElimina
  5. Essendo ambientato nella montagna a un'ora da casa, dove lo stesso Olmi viveva, quando è uscito dalle mie parti lo si è molto pubblicizzato, e spinta dalla curiosità sono andata al cinema anch'io. Perfetto non è, vero, ma ha una poesia e un messaggio così elementare ed efficace, che non si dimentica.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.