Passa ai contenuti principali

Celebration Day - Tributo a Ermanno Olmi - Torneranno i Prati

Anche la fabbrica dei sogni si unisce alla combriccola degli amici bloggers per il tributo al grande regista Ermanno Olmi, di cui mi piacerebbe vedere altri film, chissà, magari uno di questi giorni qualche altro film lo vedrò.
Torneranno i prati rappresenta uno spaccato di storia, il film, ambientato durante la prima guerra mondiale, è stato girato per  celebrare i cento anni dall'inizio della prima guerra mondiale, è un film che lascia una forte angoscia dentro.
Dei soldati sono in una trincea con una grande quantità di neve, e aspettano di fare la loro azione, ma nell'attesa accadono tante cose, ci sono soldati ammalati, soldati che aspettano di combattere, il tutto descritto con una minuzia particolare, sottolineare la paura dei protagonisti.
Il film è liberamente ispirato da La Paura, racconto di Federico de Roberto.

Ad alcuni potrebbe sembrare una mattonata, certamente per quanto mi riguarda non lo è, prima di tutto perché è un film particolare e che rappresenta l'assurdità della guerra, ci sono questi soldati, che potrebbero essere persino a casa loro, con le rispettive famiglie, piuttosto buttati al gelo.
Siamo in guerra e il loro compito è stare li in mezzo, in attesa, in silenzio.
Un silenzio che potrebbe significare la follia della situazione, che sottolinea la tristezza, la paura, l'angoscia che ti invade attimo dopo attimo, una situazione in cui nessuno di noi vorrebbe trovarsi.
Ermanno Olmi descrive il tutto per esprimere allo spettatore i sentimenti dei soldati, ci fa entrare nella loro testa creando un empatia incredibile che lascia sorpresi per la sua sincerità e la sua lucidità.
Un film bellissimo e particolare, da vedere assolutamente, anche perché non dura poi molto, soltanto 76 minuti, e vi assicuro che sono di un efficacia incredibile, basta poco più di un ora per sentire i brividi a fior di pelle.
Ve lo assicuro io.
Per me è da vedere, perché è un capolavoro imperfetto che difficilmente si dimentica dopo la visione.

Gli altri amici che partecipano all'iniziativa.

SOLARIS
Il Bollalmanacco
In Central Perk
Non C'è Paragone


Commenti

  1. Di questo film conoscevo solo la recensione di Leo Ortolani, molto poetica, così come dev'essere Torneranno i prati. Tempo permettendo, prima o poi lo recupererò anche io :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. We Bollicina è da molto che non ti vedevo qui, bentornata, si te lo consiglio perché è particolare, ed è anche molto empatico ^_^

      Elimina
  2. Grazie per esserti unita all'omaggio a questo grande regista. Hai scelto il suo ultimo film, come un ideale passaggio di testimone. Condivido quello che hai scritto: un cinema (forse) di respiro antico ma toccante e necessario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è stato un piacere, anche se come sempre arrivo a recensirlo all'ultimo minuto, fa niente, si dovrebbe davvero fare una retrospettiva su questo regista, perché è molto interessante ^_^

      Elimina
  3. La poetica di Olmi cancella il rischio di mattonate, quindi lo devo vedere! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, fallo, sono sicura che non te ne pentirai ^_^

      Elimina
  4. Questo non l'ho ancora visto, ma verrà proposto dall'associazione Cineforum di cui faccio parte nella prossima stagione, in occasione del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale. Quindi attendo speranzoso di vederlo!

    RispondiElimina
  5. Essendo ambientato nella montagna a un'ora da casa, dove lo stesso Olmi viveva, quando è uscito dalle mie parti lo si è molto pubblicizzato, e spinta dalla curiosità sono andata al cinema anch'io. Perfetto non è, vero, ma ha una poesia e un messaggio così elementare ed efficace, che non si dimentica.

    RispondiElimina

Posta un commento

Moderazione rimessa, NO SPAM

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!