Passa ai contenuti principali

Fuori Orario

Ecco il film più originale, più assurdo e più strampalato di Martin Scorsese.  protagonista è uno strampalato operatore di computer, che per caso o per destino incontra una giovane donna con cui scambia qualche frase a proposito de Il tropico del cancro di Henry Miller. Quando lei lo invita a casa sua incontra una strampatata scultrice,  che veste sempre punk e fuma come una ciminiera; da quel momento gli succedono delle bizzarre coincidenze talmente surreali che se le racconta a qualcuno potrebbero pensare che fosse svitato.
Dal barista che gli propone lo scambio di chiavi per poter aprire la cassa, alla barista che è triste di fare lo stesso lavoro e si invaghisce di lui, ad un altra donna che poi si rivela la più svitata di tutti, questo succede dopo che ha litigato con la ragazza incontrata prima al bar e si lasciano.
Martin Scorsese regala al mondo uno sguardo surreale allucinato su New York, Fuori Orario è un film particolare, con delle scene talmente bizzarre da risultare strano, ma è in questa particolarità che è nascosta la genialità di questa pellicola.
Il film è uscito due anni dopo il flop di Re Per Una Notte, e ha partecipato a Cannes ottenendo il premio per la regia: e nonostante il soggetto particolare è stato un successo.
Il protagonista assoluto è Griffin Dunne, attore particolarmente attivo negli anni ottanta, poi ha iniziato una carriera registica;  gli fanno da spalla Rosanna Arquette, e Linda Fiorentino.
Ma è nella regia di Scorsese il segreto della riuscita del film, scritto da Joseph Minion è in realtà una commedia su un timido impiegato che è dentro a una storia più grande di lui, con delle situazioni talmente assurde che sembra sia dentro un altro mondo dove sono tutti fuori di testa. Paul Hacket non riuscirà a venire a capo di questa situazione se non quando sorge il sole; e si ritrova cosparso di calce da capo a collo per scappare dai vicini del barista che lo vogliono linciare perchè lo credono un ladro: e lui ladro non lo è.
E' inutile spiegare, bisogna guardare e divertirsi, perchè questo film è puro divertimento, fresco surreale, folle e allucinato, il più allucinato di Martin Scorsese.
DA NON PERDERE.


Commenti

  1. L'ho visto un sacco di tempo fa, mi ricordo che mi era piaciuto un casino, uno Scorsese ottimo e insolito. Da RiVedere.

    RispondiElimina
  2. il mio scorsese preferito, insieme a taxi driver

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io mio, ma ci aggiungo anche shutter island e casinò XD

      Elimina
  3. io la prima volta che l'ho visto non credo di averci capito molto. Poi però rivedendolo la goduria è stata totale. Capolavoro!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.