sabato 24 novembre 2012

Election

Piccoli politici crescono, si potrebbe riassumere così in poche e semplici parole questo particolare film.
Seconda pellicola diretta da Alexander Payne, regista di acclamati film, come Sideways e About Schmidt, in questa pellicola i due protagonisti - ma sarebbe meglio definirli mattatori - sono Reese Whitherspoon, - che anni prima ha interpretato pellicole sagaci fino alla versione teen delle relazioni pericolose. - questo è  uno dei suoi ruoli più importanti, il suo antagonista è un attore molto brillante e di grande esperienza: Matthew Broderick.
Tracy Flick, è una studentessa che ha passato la vita immischiata nei consigli di classe e non esita a riproporsi anche quest'anno, per riuscire nel suo intento la signorina non esita anche a frequentare le camere da letto dei docenti, ma quest'anno il professor Jim McAllister non ci sta; perchè teme di essere attratto sessualmente da lei. Per prima cosa cerca di cestinare un voto per le primarie, e alla fine viene smascherato da uno dei suoi allievi, secondo, propone al giocatore di football ingenuo di candidarsi insieme alla sorella, questo manderà Tracy su tutte le furie, perchè vedeva la sua vittoria certa. Sarà una lotta senza esclusione di colpi in cui Tracy alla fine dimostrerà quanto sia tenace nell'usare qualsiasi mezzo per vincere le elezioni, anche a costo di fare sgambetti ai compagni di classe che si sono candidati insieme a lei.
Innanzitutto questo film è stato una sorpresa, uscito a fine anni novanta, troviamo due attori  in piena forma che se le danno di santa ragione pur di poter vincere nei loro intenti. Di mezzo ci sono i comprimari, cioè gli alunni che si candidano insieme a Tracy, per farle concorrenza. Il tema centrale del film è l'arrivismo, credo che l'abbiate capito, pur di arrivare al consiglio studentesco si fa qualsiasi cosa, anche bruciare la reputazione di una alunna pulita, raccontato in maniera realistica, ci fa capire quanto sia vicinissimo alla realtà di tutti i giorni, specialmente con la politica: ma questo è un altro discorso.
La piccola Tracy pur di vincere commetterà anche cattiverie, ma riuscirà ad andare lontano. Il professore non riuscirà mai a capire la sua spietata ambizione, e seppur essendo affascinato da lei, comincia una seria repulsione per il suo arrivismo.
Il film inoltre, è una commedia nera che è anche una satira sul mondo politico, che nasce dal basso, ma che già dal basso comincia a scannarsi fino all'ultimo sangue, assolutamente sincero, mai banale o superficiale, anzi acuto avvolte anche al vetriolo, ma pungente ed esilarante, e credetemi non sono molti i film che dopo la visione riescono a fare uscire in un parere tutti questi aggettivi.
Fattostà che è un piccolo titolo da possedere per guardare e riflettere sul mondo intorno a noi.
DA NON PERDERE.


2 commenti:

  1. film davvero niente male.
    a tutt'oggi direi che è il mio preferito di alexander payne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. molto realistico, Reese Whiterspoon è irresistibilmente cinica :)

      Elimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...