Passa ai contenuti principali

L'ululato

Era già in programma da tempo questa rassegna libera, oggi ho finalmente trovato il momento giusto per cominciarla. Parlo del cinema degli anni ottanta, che sarà protagonista alla fabbrica per un bel po' di tempo; la pellicola d'esordio è un supercult: L'ululato di Joe Dante.
L'ululato è senza dubbio una pellicola da collezionare, per diverse motivazioni: Innanzitutto abbiamo nelle mani una storia originale e per nulla scontata; pur prendendo la creatura del lupo mannaro che è uno dei classici del cinema di genere, Joe Dante, riesce a creare una pellicola ad alta tensione, rispettando si le regole del cinema di genere, ma con qualcosa in più: una regia con le palle e degli effetti speciali piuttosto realistici per quei tempi, che ne hanno fatto col tempo un piccolo classico del genere horror.
E ve lo dico sinceramente perchè a me ha messo ansia e brividi, roba così al giorno d'oggi ce la sognamo, e solo i grandi sanno fare piccoli film di questo genere.
Il film racconta di una donna, che decide di fare da esca per catturare un pericoloso serial killer, riuscirà a divenire un eroina per aver aiutato la polizia nel mettere fine a questa catena  di dellitti, ma il serial killer è morto ma il suo cadavere non si trova.
Karen, pur essendo ormai divenuta un eroina, ma è traumatizzata e fa dei brutti sogni. Lo psicologo le consiglia di passare del tempo in una colonia, per riprendersi e parte con il marito.
Ma anche nella colonia gli incubi non finiscono, anzi vengono accentuati dalla presenza oscura di una misteriosa donna che cerca di circuire il marito di Karen.
Ma quella non è una semplice colonia, le persone che la vivono sono dei lupi mannari che stanno cercando di far diventare come loro Bill, il marito di Karen, fino al giorno in cui il serial killer si presenta alla colonia per uccidere la donna che voleva farlo catturare dalla polizia...riuscirà Karen a salvarsi oppure diventerà anche lei un licantropo?
Un film leggendario un supercult da collezionare e se non l'avete visto correte subito a farlo, perchè ne vale la pena.
Non è il primo film che vedo di Joe Dante, ma pur non avendolo approfondito devo dire che mi ha sorpresa e non poco.
DA NON PERDERE.


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.