Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2017

Il mio 2017 - Le Serie tv

Ecco il post celebrativo per il 2017, per quanto riguarda le serie tv.
Ce ne sono state davvero tante di serie tv quest'anno, l'evento televisivo è stato senza dubbio Twin Peaks, che lo dico senza tanti giri di parole che è la mia serie tv dell'anno.
E' inutile girarci intorno; il ritorno di Lynch e Frost è destinato ancora una volta a far discutere, e a far parlare i fans, vecchi e nuovi, di quella che è per tutti La madre delle serie tv.
E di serie tv si è parlato abbastanza quest'anno alla fabbrica, tra la fine di Glee, vero e proprio cult a casa Lynch, alla fine di True Blood, Fringe e Revenge, che nonostante la rabbia iniziale della protagonista e la sua sete di vendetta, è finita con un barlume di speranza allontanandosi dalla rabbia della vendetta.
Se queste serie tv sono finite, ne sono arrivate anche altre: Fargo, Ash vs Evil Dead, La miniserie Big Little Lies, Fear the Walking Dead, Penny Dreadfull, Homeland, The Originals, Master of Sex e Glow, di cui d…

Il Mio 2017 - Horror Time

Ecco il post  celebrativo del cinema visto in questo spumeggiante 2017 dedicato al cinema horror, e di horror si è parlato a lungo quest'anno alla fabbrica, complice la scoperta del blog di Lucia, ho potuto vedere e scoprire vari horror che mi sono piaciuti. Il migliore per me resta Hellions, ma ci sono stati anche The Void, Bornless Ones, Be Devil e tanti altri. A settembre è cominciato anche il ciclo del martedì del cinema horror che tornerà a breve, con altri film che vedrò presto. Il cinema horror per me che sono una vera horrorofila onnivora è un qualcosa che non mi lascio mai scappare. Anche se devo ammettere che ultimamente stanno uscendo diversi horror molto interessanti.
E' anche uscito anche un nuovo capitolo della saga di Alien, Alien Covenant, che è prontamente passato per gli schermi del mio pc, ma sono arrivati anche 31 ritorno al cinema del celeberrimo Rob Zombi rocker metallaro che si è dato al cinema, il sopravvalutato La Cura del Benessere, Life, Regression,…

Ovunque Nel Tempo

Ho sempre amato i film fantastici...non solo perché ti trasportano in luoghi mitologici, ma perché alcuni di essi hanno dei contenuti che ti trasportano lettaralmente in storie che hanno un sapore unico e un romanticismo essenziale.
Come questo bellissimo Ovunque nel Tempo che sto recensendo per voi in occasione delle feste natalizie per tenervi compagnia, per me ha rappresentato l'occasione di vedere un altro lavoro di un regista di cui anni fa ho ammirato una miniserie tratta dai romanzi di Wilbur Smith, La Montagna dei diamanti.

Il Mio 2017 -Viaggio negli anni '80

Come promesso ieri, ecco a voi il post dedicato al viaggio negli anni 80 intrapreso in questo 2017 ormai quasi giunto al termine.
Tutto cominciò verso febbraio, in cui mi resi conto che effettivamente non avevo poi visto molti film degli anni ottanta, allora ho cominciato a recuperare diversi titoli, alcuni li ho recensiti, altri arriveranno a brevissimo, e comunque fa sempre bene recuperare alcuni titoli importanti.
Di film degli anni 80 quest'anno ne ho visti parecchi: si fa da Il Sole a Mezzanotte, debutto americano della nostra Isabella Rossellini con la regia di Taylor Hackford, a Un Compleanno da Ricordare di John Huges,fino allo strampalato Roxanne di Fred Schepisi con Daryl Hannah e Mi sono innamorato di un cervello con la per me sempre mitica Kathleen Turner.
Per continuare con il malinconico ma bellissimo Parenti amici e tanti guai di Ron Howard con un giovanissimo Joaquin Phoenix che si faceva chiamare con un altro nome.

E che mi dite di Robocop, Danko, Due vite in gio…

Il Mio 2017

Non voglio fare le solite classifiche che si vedono in giro tra i bloggers, perché risulterei ripetitiva, invece io voglio raccontarvi il mio 2017 sia al cinema che in tv, anche se le serie tv sono arrivate nella seconda metà dell'anno, poco importa.
L'inizio dell'anno non è stato proprio idilliaco, e avevo pochissima voglia di guardare film, finchè non rividi un vecchissimo tv movie degli anni ottanta che vidi quando ero molto piccola con addirittura mia madre che in un certo senso ho sempre rivisto con piacere e interesse Quando una donna...titolo italiano del film, c'è anche la Sara Palmer di Twin Peaks, quindi visioni a rotazione, ma prima ancora cominciai addirittura con un porno...Fantastica Moana...mo ve lo dico, una porcata di dimensioni colossali giocata tutta sulla f..a della ormai defunta Moana Pozzi, pace all'anima sua, siccome i porno non mi sono mai piaciuti, la visione si è accattonata subito per altre visioni decisamente più interessanti.
Fu verso …

L'uomo di Neve

Come l'amico Ford ha detto, L'uomo di Neve è un film che si preannuncia molto deludente.
Il fatto è  che avevo molte aspettative su questo film...aspettative che si sono rivelate deluse.
Non voglio ripetermi, dico soltanto che per un thriller la cosa che lo uccide è una sola: LA NOIA, e l'uomo di Neve è un film noioso.

Cineclassics - Quattro Passi fra le nuvole

E come ogni domenica, ecco l'appuntamento con Cineclassics, il ciclo di film che vanno dal 1900 al 1969, e che ogni domenica presenta un capolavoro, e questa domenica tocca a un film italiano, da cui è stato tratto il remake del 1995 Il Profumo del mosto selvatico, che è un buon film, ma certamente non è all'altezza del capolavoro di Alessandro Blasetti, interpretato da Gino Cervi e Adriana Benetti.

Blade Runner 2049

Adesso tocca a me parlare del seguito di Blade Runner.
Non è facile bissare la qualità di quello che è ormai uno dei capolavori della storia del cinema, e soltanto un regista come Denis Villeneuve, poteva dirigere il remake che già si preannunciava un operazione assai difficile.
Allora mi è piaciuto o no questo film?
La risposta è ovviamente...leggete la mia recensione.

Monty Python e il Sacro Graal

Dopo la rassegna dedicata a Peter Weir, comincia quella dedicata a uno dei registi più particolari e complessi che la settima arte ha mai creato.
E' con grandissimo piacere che comincia proprio oggi la rassegna dedicata a Terry Gilliam, cominciando proprio dal suo film d'esordio: Monty Python e Il Sacro Graal.
Perché direte voi? Perché si rispondo io.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Gallipoli - Gli Anni Spezzati

Con un giorno di ritardo, ma pazienza, si conclude il viaggio nel cinema di Peter Weir con il film Gli Anni Spezzati che avevo visto con mio fratello anni fa.
Rivederlo un altra volta mi ha dato la conferma che un regista come Peter Weir ha un talento eccezionale, le tematiche del suo cinema ormai le conoscete, ne ho parlato lungamente durante questa bellissima rassegna che ahimè si conclude proprio oggi.