Passa ai contenuti principali

Smetto quando voglio - ad honorem

Tutte le più belle cose finiscono ahimè.
Questa è l'ultima settimana dedicata a Smetto quando voglio, che ci crediate o no, questa banda di amici che hanno scoperto come fare soldi grazie alle smart drugs mi mancheranno.
Si avete sentito bene, primo perché ho cominciato a volergli bene, e poi anche la storia in se che continua ad essere vincente.

Questa volta la banda di amici deve fermare un pericoloso criminale che minaccia di avvelenare la prigione con il gas nervino, ci riusciranno?
I nostri amici sono costretti loro malgrado a fare i conti Walter Mercurio, intenzionato a fare una strage, proprio nel momento in cui i nostri amici hanno deciso di ampliare un piano per poter evadere dalla prigione...
Riusciranno i nostri eroi a scegliere di fare la cosa giusta e a salvare vite umane? Compresa la propria pelle?
Non ci sono dubbi che l'impresa si rivelerà non impossibile, ma difficile, e i nostri amici dovranno confrontarsi anche con il passato aiutati persino dalla polizia.
Senza dubbio dovranno fare la scelta giusta e cercare per quanto sia possibile di far fallire il piano di Walter.
Questa volta Sydney Sibilia sceglie di smorzare il lato divertente della serie, non togliendolo del tutto ovviamente, perché non è certamente un film serio, ci si deve divertire, però allo stesso tempo cerca per una volta anche di far pensare lo spettatore su quello che succede nel film.
Mi è piaciuto anche questo terzo capitolo, anche se l'ho trovato con un po' meno mordente rispetto alle precedenti puntate.
Detto questo se avete voluto bene a questa banda di amici precari che si inventano un modo per poter vivere degnamente non perdetevi quest'altra puntata perché è senza dubbio degna delle due puntate precedenti, anche se ha una aggiunta di malinconia di fondo a differenza.
Fermo restando che resta sempre una saga imperdibile se amate divertirvi e ance pensare.
Per me è imperdibile.


Commenti

  1. Una trilogia che, senza esagerare, ha portato aria nuova nel panorama italiano. La scena finale è perfino commovente: un addio toccante ma non retorico, senza malinconia, ma che apre alla speranza. Questi film e questi personaggi ci mancheranno parecchio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione Kris :) io mi ci sono affezionata

      Elimina
    2. E il voto? comunque attendo con trepidazione questo terzo capitolo, che proverò a recuperare entro l'anno ;)

      Elimina
    3. si a volte non lo metto, cmq è nei good movies ;)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.