Passa ai contenuti principali

Smetto quando voglio

Dopo Arma Letale e i due nuovi capitoli della trilogia di Star Wars, adesso un prodotto tutto italiano, divertentissimo - sono tre film, spero di vedere al più presto Masterclass  ed Ad Honorem, ma dovrei farlo al massimo entro la prossima settimana, così sono tutti recensiti alla fabbrica.


Andiamo al dunque: Qui abbiamo una commedia di chiara ispirazione americana, ma con la bravura dei migliori attori italiani della nuova generazione, vi pare poco? Assolutamente no, vi assicuro che il divertimento è garantito, e per una volta in Italia non scopiazziamo il passato, quindi grazie Sydney Sibilia per questa travolgente idea.
Durante la visione non mi aspettavo un granchè, sarà il solito divertente film italiano che esce di questi tempi, invece mi sono dovuta ricredere; recitazione ottima, sceneggiatura al cardiopalma e una regia che sa il fatto suo.
Vi sconvolge il sapere che è un opera prima?
Quindi ho ragione io quando dico che in Italia il cinema lo sappiamo ancora fare e che bisogna parlare del nostro cinema, anche quando crediamo che il film è palloso, anche quando crediamo che ci sono i soliti "soliti"-  lo metto tra virgolette per ironizzare un po' hahaha - attori.
Sappiamo che i soliti attori fanno tutt'altro genere di cinema, partecipano o ai cosidetti cinepanettoni, o ai film di Verdone e Pieraccioni, ormai regista quasi dimenticato dopo i travolgenti anni novanta.
Smetto quando voglio è un prodotto fresco, nuovo, un piccolo oggetto di culto possiamo definirlo capace di far ridere e pensare allo stesso tempo.
Ha personaggi ben delineati, e una storia capace di fare esplodere tutto il suo potenziale, grazie alla regia di Sibilia e alla sceneggiatura scritta dallo stesso regista con Valerio Attanasio e Andrea Garello.
Ai più cinefili potrebbe sembrare una parodia della serie tv breaking bad, io dico che questo film non ha nulla di bb, anzi, è tutta un altra storia.
Questi professori che devono fare i conti con il precariato, e non vogliono assolutamente vivere in queste condizioni, si inventano una droga legale, o meglio, non ancora riconosciuta illegale dalla legge per far soldi, e vivere una bella vita.
Non hanno fatto i conti con i veri spacciatori, che vogliono inzuppare il pane e prendersi una fetta di torta, fino al finale squinternato e goliardico degno della migliore commedia slapstick che fa letteralmente sbellicare dalle risate.
Per me è un film che merita non una semplice visione, ma di stare nella vostra collezione, io spero di inserirlo molto presto.
Voto: 7




Commenti

  1. Se mai dovessi fare un paragone tra un'opera già vista e questa, io citerei di più lo spassosissimo film inglese "L'erba di Grace" che è venuto molto prima di Breaking Bad ed è mille volte meglio. Se non lo hai visto, ma ne dubito, recuperalo. Risate davvero assicurate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si l'erba di grace mi sembra che l'ho anche recensito, dovrei controllare, è divertente anche quello, certamente uno dei migliori film inglesi, sarcastico e ironico ^_^

      Elimina
  2. Già, quando in Italia le cose si fanno con criterio e passione, qualcosa di buono esce sempre, come anche questa divertente commedia, un piccolo gioiellino passato anche sottotraccia ma che ora sta avendo il giusto spazio di emergere perché lo merita ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.