Passa ai contenuti principali

Speciale Exploitation - Il tuo vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave

                                                                 Speciale Exploitation

E torna anche l'appuntamento del sabato col cinema d'exploitation e per l'occasione ho scelto di recensire Il tuo vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave, vi sembra il seguito de La Signora Wardh? No, non lo è, anche se c'è la frase che appare forse nel miglior giallo all'italiana diretto da Sergio Martino.

Ma andiamo al dunque: sembrerebbe che il buon Martino, abbia voluto riprendere le atmosfere del suo precedente giallo per farne un film totalmente diverso, anche se c'è lo stesso attore Ivan Rassimov già visto ne Lo Strano vizio della signora Wardh, forse riprende anche il personaggio ma devo essere sicura di questo.
Per me si è trattato della visione di un film abbastanza deludente, anche se devo dire che le atmosfere angoscianti sono state ben fatte, così come la suspance, ma cosa me lo ha fatto apparire così deludente?
Lo dico subito: si capisce tutto sin dalle prime inquadrature, facendo si che la visione risulti un po' noiosa, purtroppo l'effetto sorpresa che avrebbe dovuto salvare il film arriva in modo sbagliato e anche al momento sbagliato.
Il tuo vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave è un film imperfetto, forse mal scritto che vuole dare allo spettatore ricercando affannosamente cio' che non è in grado di fare.
Ci manca una cosa fondamentale, la scena madre che rimette tutto in discussione.
La trama è anche un po' sconclusionata, una coppia ormai in crisi, che non si sopportano proprio più, invece di divorziare mandano avanti un matrimonio ormai finito; lei è ossessionata dalla madre di lui, il gatto miagola in modo minaccioso e tanto altro ancora.
A peggiorare il tutto arriva una parente che in pratica se li scopa tutti e due mentre un assassino continua ad uccidere le persone a loro vicine.
Stop il gioco è tutto qui, si capisce chiaramente il colpevole fin dall'inizio, anche se io avrei preferito un altra persona, e si che il film si sarebbe salvato.
Un occasione persa per Sergio Martino di fare un giallo come si deve...ma d'altronde stiamo parlando di cinema d'exploitation, non di film di un certo calibro.
In poche parole, a questo film manca il colpo di genio per essere un ottimo film.
Basta tutto qui.
Voto: 5




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.